MANTOVA – CONFERENZE CONCERTO: OSPITE IL MUSICOLOGO E PIANISTA GUIDO SALVETTI

mercoledi-del-conservatorio
Nuovo appuntamento per la decima edizione della rassegna di conferenze-concerto I Mercoledì del Conservatorio a cura della Prof.ssa Albertina Dalla Chiara, presso l’Auditorium “Claudio Monteverdi” del Conservatorio di Musica “Lucio Campiani” di Mantova. I Mercoledì del Conservatorio offrono allo studente e all’appassionato di musica un’occasione per approfondire la propria conoscenza della musica e della sua storia attraverso un ciclo di conferenze-concerto tenute da noti musicologi e personalità del mondo culturale e musicale.
Guido_Salvetti2 (1).jpg
Mercoledì 26 aprile, alle ore 18.00, sarà ospite della rassegna il musicologo e pianista Guido Salvetti che ha contribuito con le sue autorevoli conferenze alla nascita di questa importante rassegna del Conservatorio L. Campiani di Mantova. Ingresso libero fino ad esaurimento posti.
È stato docente dal 1976 di Storia della Musica al Conservatorio G. Verdi di Milano, poi ha fondato il corso di Musicologia nel 1984 e ne è stato direttore dal 1996 al 2004.
È stato presidente della Società Italiana di Musicologia e attualmente ha fondato e presiede la Società Editrice di Musicologia per edizioni critiche online di musica italiana. Ha prodotto molte serie di trasmissioni per la Rai e per la radio di Lugano ed è autore di numerosi saggi e libri sulla musica.
Recentemente ha pubblicato una monografia sulle sonate per violoncello e pianoforte di Brahms, oggetto dell’incontro a Mantova, in cui lo stesso Salvetti scrive: “Nell’ambito di una musica da camera in cui la pienezza dei contenuti e la complessità della struttra formale si collocano allo stesso livello della musica sinfonica o sinfonico-corale, le due Sonate mostrano a loro volta pari dignità e impegno, mettendosi totalmente al riparo da qualsiasi sospetto di musica d’intrattenimento salottiero, o di esibizionismo di bravura per lo strumento solista. Le due sonate per violoncello e pianoforte di Brahms accompagnano la vita artistica di ogni violoncellista e di ogni pianista, e sono – o dovrebbero essere – patrimonio comune di chiunmque ami la musica. I primi esecutori e i primi ascoltatori delle musiche di Brahms sentirono di inoltrarsi per nuove vie. Fu questa la prima impressione che ne ebbe Robert Schumann; persino Richard Wagner rimase colpito da quello che di nuovo si poteva ancora fare con le antiche forme”.

Insieme a Guido Salvetti protagonista è Alessandro Brutti, studente del Maestro Marco Zante, che esegue la prima sonata per violoncello e pianoforte di Brahms Op.38 in mi minore composta tra il 1862 e il 1865.

Luca_Colombarolli.jpg

Al pianoforte il maestro Luca Colombarolli, che diplomatosi con il massimo dei voti e la lode al Conservatorio di Verona, ha iniziato la sua carriera pianistica vincendo il “Concorso Nazionale di esecuzione musicale” di Pescara nel 1977 e negli anni seguenti risulta vincitore assoluto nelle varie categorie di numerose edizioni di concorsi nazionali. Nel febbraio 1987, dopo aver vinto la selezione indetta dalla RAI e riservata ai vincitori di concorsi dai 18 ai 21 anni, si classifica 2° al Concorso “Jugend Musiziert Europäischer Wettbewerb Für Pianisten 1987” di Francoforte e nel marzo dello stesso anno vince il “Premio Rinaldo Rossi” di Mantova. Collabora da anni con il Conservatorio Campiani come docente accompagnatore al pianoforte.

Si comunica che la conferenza-concerto “Dai quanti alla musica” con Maria Luisa Dalla Chiara e Edoardo Boncinelli verrà recuperata mercoledì 17 maggio

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.