MATTEO LASAGNA NOMINATO VICEPRESIDENTE NAZIONALE DI CONFAGRICOLTURA

vicepresidenti_confagricoltura.jpg

La notizia era nell’aria, ma ora è arrivata l’ufficialità: Matteo Lasagna è stato nominato vicepresidente nazionale di Confagricoltura, dopo la riunione del comitato direttivo andata in scena a palazzo Della Valle, a Roma. Dopo l’ingresso nella giunta nazionale dunque, altro traguardo di enorme prestigio per il numero uno di Confagricoltura Mantova, che si conferma uomo di assoluta fiducia del neo presidente Massimiliano Giansanti.

«Sono entusiasta – ha detto Lasagna – e ringrazio il presidente, i miei colleghi di giunta e tutto il comitato direttivo per la fiducia che hanno riposto in me. Ora non resta che rimboccarsi le maniche, per rilanciare al meglio l’associazione e per portare Confagricoltura sempre di più in mezzo ai soci, perché è per loro che Confagricoltura agisce. Sono loro i veri protagonisti e le loro imprese sono e saranno sempre al centro del nostro lavoro. Voglio proseguire a livello nazionale quanto fatto a Mantova e in Lombardia».

Assieme a Lasagna sono stati nominati come vicepresidenti anche Nicola Cilento (per il Sud), già presidente di Confagricoltura Cosenza e di Confagricoltura Calabria e componente della giunta nazionale uscente, ed Elisabetta Falchi (per il Centro), già presidente di Confagricoltura Sardegna e assessore all’Agricoltura della Regione Sardegna.

Lasagna.JPG

«Ho ben chiaro su quali concetti basare il mio lavoro nel prossimo triennio – ha detto Lasagna – partendo innanzitutto dalla consapevolezza di ciò che Confagricoltura rappresenta e dalla necessità assoluta di fare sistema. A questo si aggiungono un forte senso di responsabilità, per il ruolo che mi è stato assegnato, e un rinnovato orgoglio, che andrà sviluppato tramite un’identità ben definita. Gli strumenti che vogliamo utilizzare sono assolutamente all’avanguardia, e si basano su tecnologia e innovazione, strade da percorrere per raggiungere quello che è il nostro unico obiettivo, il successo». Oggi infatti gli imprenditori agricoli «hanno fame – spiega Lasagna – fame di aggredire mercati che non rispondono più alle loro logiche, in un paese che è ancora troppo fermo. Il lavoro da fare è imponente, ma siamo, e sono, assolutamente motivati per portarlo a compimento».

Il comitato direttivo ha ratificato anche le deleghe che il presidente Giansanti ha assegnato ad ogni componente di giunta. A Matteo Lasagna è stata affidata la delega a credito, assicurazioni e finanza. Ogni membro sarà affiancato da un team di lavoro, con l’obiettivo di delineare le strategie politiche dell’associazione, creando una stretta sinergia tra momento decisorio centrale, territorio e aziende. I tavoli di lavoro si insedieranno in occasione dell’assemblea prevista a luglio.

Annunci

Rispondi