MILANO – MUSEO DELLA PERMANENTE: RETROSPETTIVA di FANG ZHAOLIN. SIGNORA DEL CELESTE IMPERO

2. Fang Zhaolin, Viaggiando attraverso montagne e fiumi, 1995, inchiostro e colori su carta di riso, cm 70x138

Viaggiando attraverso montagne e fiumi, 1995, inchiostro e colori su carta di riso, cm 70×138

15 GIUGNO -10 SETTEMBRE 2017

Inaugurazione: giovedì 15 giugno – ore 18.30

Il Museo della Permanente di Milano (Via Turati 34), in collaborazione con il Museo Xuyuan di Pechino, ospita dal 15 giugno al 10 settembre 2017 la prima retrospettiva italiana dedicata all’artista Fang Zhaolin (Wuxi 1914 – Hong Kong 2006), una delle figure prominenti della pittura cinese del XX secolo, capace di creare un ponte tra l’arte cinese e quella occidentale. 

20. Fang Zhaolin, Scena lavorativa, 1990, inchiostro e colore su carta di riso, cm 123x123

Scena lavorativa, 1990, inchiostro e colore su carta di riso, cm 123×123

La mostra Fang Zhaolin. Signora del Celeste Impero, patrocinata dal Comune di Milano, curata da Daniel Sluse in collaborazione con Jean Toschi Marazzani Visconti, presenta 66 opere, alcune delle quali di grandi dimensioni, tutte realizzate su carta di riso con inchiostri neri e pigmenti colorati.

21. Fang Zhaolin, Neve in un giorno di sole, 1988, inchiostro e colore su carta di riso, cm 112x97,5

Neve in un giorno di sole, 1988, inchiostro e colore su carta di riso, cm 112×97,5

Fang Zhaolin viaggia moltissimo tra Asia, Europa e Stati Uniti, alla perpetua ricerca delle proprie radici. Discepola dei maggiori maestri cinesi, approfondisce la conoscenza del mondo occidentale con riferimenti a diverse figure fra le quali Pollock, Kandinsky, Cezanne.

Ciononostante è sulla Cina dai paesaggi grandiosi, popolata da una vita intensa che anima la sua memoria, che verte tutta l’opera di Fang Zhaolin.

57. Fang Zhaolin, Salendo in alto al festival del battello del drago, 1987, inchiostro e colore su carta di riso, cm 86x93

Salendo in alto al festival del battello del drago, 1987, inchiostro e colore su carta di riso, cm 86×93

Daniel Sluse: “Fang Zhaolin s’inoltrava nel paesaggio, passeggiava fra le montagne che voleva rappresentare, sentiva profondamente i luoghi prima di stenderli sulla carta, ne esplorava i misteri, che erano una delle sorgenti della sua ispirazione”.

61. Fang Zhaolin, La bellezza con pennello e inchiostro, 1987, inchiostro e colore su carta di riso, cm 144x106,5

La bellezza con pennello e inchiostro, 1987, inchiostro e colore su carta di riso, cm 144×106,5

L’artista introduce novità nell’uso del pennello, dei colori e della composizione, con figure geometriche astratte e superfici piatte. Ma soprattutto integra nella propria pittura la calligrafia cinese tradizionale, creando un ritmo musicale con pennellate libere e incisive, fra inchiostri leggeri e spessi: uno stile calligrafico unico che, da netto e deciso, si trasforma dal 1960 in aspro e primitivo, con linee imprevedibili, leggere e pesanti, bagnate e asciutte.

L’intreccio armonico di calligrafia e pitturaè stato per Fang Zhaolin lo strumento principale per esprimere la propria coscienza artistica e esplorare l’essenza della tradizione cinese.

51. Fang Zhaolin, Paesaggio a mano libera, 1980, inchiostro e colore su carta di riso, cm 123x248

Paesaggio a mano libera, 1980, inchiostro e colore su carta di riso, cm 123×248

Informazioni per il pubblico: 02 6551445

Orari mostra: Sino al 31 luglio: tutti i giorni 10.00-19.30| Dal 1 agosto: da martedì a domenica 10.00-13.00 e 14.30-18.30.

Ingresso libero

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.