MANTOVA – UNA GIORNATA DI STUDIO PER RICORDARE FRANCESCO BARTOLI

Nel ventennale della morte di Francesco Bartoli, l’indimenticabile professore mantovano critico d’arte e di teatro, il Comune di Mantova con la Biblioteca Baratta, il Centro internazionale d’Arte e di Cultura di Palazzo Te e la partecipazione dell’Associazione Amici di Palazzo Te e dei Musei Mantovani, organizzano, per sabato 7 ottobre, una giornata di studio e di ricordo, articolata in due momenti.

Bartoli copia.jpgAl mattino, nella Sala dei Cavalli di Palazzo Te, a partire dalle 10.30, interverranno il sindaco di Mantova Mattia Palazzi, il presidente del Centro Internazionale di Palazzo Te Stefano Baia Curioni, il direttore di Palazzo Te Stefano Benetti, i docenti universitari Rossana Dalmonte e Silvana Sinisi, oltre al critico Claudio Cerritelli. Parteciperanno anche Annarosa Baratta, Mario Baroni, Silvana Sinisi, Roberto Tessari, Sosi Baratta, Roberto Pedrazzoli e Alessandro Tinterri.

L’incontro sarà moderato da Arturo Calzona dell’Università di Parma.

Nel pomeriggio, alle 16 nella Chiesa della Madonna della Vittoria, sarà presentata la mostra a cura di Ester Mantovani Bartoli e Roberto Soggia, “Lo sguardo oltre. Francesco Bartoli (1933-1997). Lettere ad amici artisti“. Sarà esposta una selezione di lettere scritte da Francesco Bartoli agli amici. Si potranno vedere alcune opere, insieme ai taccuini preparatori e ad altri ‘oggetti’, utili a mostrare il metodo di lavoro del critico, la concretezza del suo ‘fare’ prima dell’elaborazione intellettuale.

La mostra sarà accompagnata da un video a cura di Guido Bazzotti e da un catalogo della collana “Strumenti” della Biblioteca Comunale, curato da Cesare Guerra, con interventi di Ida Panicelli, Roberto Pedrazzoli, Elia Malagò, Carlo Prandi, Pino Mantovani, Gabriella Benedini, Gianni Madella, Eristeo Banali, oltre al testo del discorso commemorativo tenuto in consiglio comunale da Umberto Artioli nel 1997.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.