BAMBINI E ANZIANI INSIEME SULLE TRACCE DEL MITO E DELL’ARTE CON SEGNI D’INFANZIA ALL’ISTITUTO GERIATRICO DI RONCOFERRARO

sara-zoia-mg_5797

Giovedì 22 febbraio, le classi della scuola primaria di Roncoferraro dedicano una mattina di lavoro al tema dell’arte e del mito attraverso un’attività ideata dall’Associazione Segni d’infanzia e resa possibile grazie al contributo della Fondazione Antonio Nuvolari. Si avvia così una collaborazione fra l’Associazione che opera su Mantova, oltre che a livello nazionale e internazionale, e la Fondazione di Roncoferraro che, condividendo l’importanza di strutturare proposte di qualità per bambini che siano occasione per condividere una riflessione e offrire spunti e stimoli, sceglie un’attività di Segni d’infanzia da ospitare in uno spazio apposito dell’Istituto Geriatrico che si apre per l’occasione alle scolaresche.

Questo tipo di attività per l’Istituto non costituisce una novità, ma ormai è una consuetudine che vede bambini e anziani condividere uno spazio e del tempo insieme, con una programmazione annuale che viene elaborata in accordo tra l’Istituto Comprensivo di Roncoferraro e la Direzione della Fondazione. Un’attenzione che nasce dalla volontà di creare un nuovo modo di guardare ad un luogo che, accogliendo queste attività, non è più solo destinato alla terza età, ma diventa luogo d’incontro fra due generazioni che possono giovare l’uno della presenza dell’altro.

Guidati dall’attrice Sara Zoia, 60 bambini e un gruppo di anziani residenti nell’Istituto, scoprono, nella mattina di giovedì, come può essere divertente ricostruire le storie celate nelle opere d’arte, mettendo insieme gli indizi disseminati nelle immagini dipinte o nelle sculture sotto forma di dettagli, colori o movenze.

Utilizzando degli speciali pannelli sui quali sono riprodotte famose opere si prova a raccontare il mito di Amore e Psiche come una favola moderna, facendo emergere i numerosi archetipi delle fiabe tradizionali che il mito contiene: dal tema delle sorelle gelose di “Cenerentola” a quello del bacio che risveglia dall’incantesimo che ritroviamo anche nella “Bella addormentata”.

Un laboratorio che genera curiosità e interesse per l’arte e il mito, un tipo di approccio che può essere approfondito andando poi a visitare dal vivo i luoghi che sullo stesso territorio di Mantova, custodiscono la storia per immagini del mito di Amore e Psiche, come Palazzo Te che ha una meravigliosa camera con un ciclo di affreschi ad esso dedicato.

Annunci

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.