MANTOVA – La FILIERA MANTOGRANO SBARCA a “LA PROVA DEL CUOCO” con la chef CLARA ZANI

La filiera MantoGrano sbarca su Rai1, ospite de “La prova del cuoco”. È quanto accadrà nella giornata di domani, venerdì 6 aprile quando, a partire dalle ore 11.50, ospite del celebre programma condotto da Antonella Clerici ci sarà Clara Zani, titolare del ristorante La Pavona sul Sofà di Bagnolo San Vito.

Il locale mantovano è stato invitato a prendere parte al “Campanile italiano”, una sfida tra regioni che terminerà con l’elezione della regione vincitrice. Clara Zani è stata scelta come rappresentante della Lombardia e per l’occasione porterà con sé una selezione di prodotti del territorio, tutti forniti dai produttori associati a Confagricoltura Mantova.

In primis dunque il pane della filiera MantoGrano, promossa dall’associazione di via Luca Fancelli assieme a Molino Magri e, recentemente, anche dall’Associazione mantovana panificatori, pane realizzato con grani di varietà “Bisanzio”, coltivati, raccolti, moliti e trasformati interamente all’interno dei confini della nostra provincia.

Durante la trasmissione verranno presentate le ricciole realizzate da uno degli oltre cinquanta panifici aderenti alla filiera. Assieme al pane verranno esaltati anche i sapori di altri prodotti tipici delle nostre terre, come la zucca, le pere mantovane, il salame, le cipolle di Sermide, la mostarda, il riso Vialone Nano, il Grana Padano, il Parmigiano Reggiano e il Lambrusco mantovano.

Oltre a presentare i prodotti tipici del nostro territorio, la chef del ristorante La Pavona sul Sofà preparerà anche una ricetta della tradizione, vale a dire il ‘cappone alla Gonzaga‘, l’insalata di petto di cappone di Bartolomeo Stefani.

Per votare per il ristorante di Bagnolo San Vito, e di conseguenza per la Lombardia, al “Campanile Italiano” è sufficiente andare sulla pagina Facebook de “La prova del cuoco” e cliccare sulla foto corrispondente durante la trasmissione.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.