IMPRESE MANTOVANE: LA DINAMICA DEL TERZO TRIMESTRE 2018

I dati sulla natimortalità delle imprese, in provincia di Mantova, elaborati dal Servizio Informazione e Promozione Economica della Camera di Commercio di Mantova, mostrano un saldo negativo di 29 unità che porta la consistenza del Registro Imprese a 40.333 aziende registrate a fine settembre. Il tasso di crescita risulta pari al -0,1% , inferiore sia a quello regionale sia a quello nazionale (entrambi positivi e pari al +0,2%).

TAVOLA 1 DINAMICA IMPRESE 2018.jpgA livello territoriale tutte le province lombarde e limitrofe registrano un tasso di sviluppo positivo ad eccezione di Sondrio, Lecco, Rovigo e Ferrara.

Le società di capitali mostrano valori in crescita pari a +0,5% mentre le società di persone e le imprese individuali, al contrario, vedono una contrazione pari per entrambe al -0,2%; le “altre forme” (cooperative e consorzi) rimangono sostanzialmente stabili.

TAVOLA 2 DINAMICA IMPRESE.jpgL’analisi delle attività economiche della nostra provincia evidenzia una contrazione per i principali settori: l’agricoltura (-0,3%), le attività manifatturiere (-0,8%), le costruzioni (-0,3%), il commercio (-0,1%) e il trasporto e magazzinaggio (-0,9%). I rimanenti settori del terziario mostrano un trend positivo: le attività di alloggio e ristorazione (+0,7%), i servizi di informazione e comunicazione (+0,6%), le attività finanziarie e assicurative (+1,5%), le attività immobiliari (+0,3%), le attività professionali, scientifiche e tecniche (+1,1%), i servizi di supporto alle imprese (+1,3%), l’istruzione (+0,9%), la sanità e assistenza sociale (+0,9%) e gli altri servizi (+0,2%). Stabili le attività artistiche, sportive, di intrattenimento e divertimento. Da segnalare una diminuzione delle aziende che operano nella fornitura di energia elettrica, gas vapore e aria condizionata (-1,4%) anche se la loro incidenza sul totale delle imprese è minima.

TAVOLA 3 DINAMICA.jpg

Il comparto artigianale, che rappresenta un terzo del totale delle imprese iscritte alla Camera di Commercio, tra luglio e settembre mostra un saldo negativo tra aperture e chiusure di 40 unità, con una diminuzione per quanto riguarda il tasso di crescita del -0,3%; anche a livello regionale e nazionale il comparto subisce un calo ma in misura inferiore.

TAVOLA 4.jpg

Nel dettaglio dei settori nei quali opera l’artigianato mantovano, che alla fine del terzo trimestre 2018 conta 11.745 imprese, si evidenziano contrazioni per quasi tutti i principali comparti: attività manifatturiere (-0,8%), costruzioni (-0,3%), riparazione di veicoli e motocicli (-0,3%), trasporto e magazzinaggio (-0,5%) e le altre attività di servizi (-0,1%). Tassi negativi anche per il comparto agricolo (-0,5%) e le attività artistiche, sportive e di intrattenimento (-1,6%). Risultano in crescita, invece, le attività legate alla trasformazione alimentare (gelaterie, gastronomie, pizzerie, ecc.) (+0,3%) e i servizi di supporto alle imprese (+1,3%). Stabili i rimanenti settori.

Annunci

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.