GAZOLDO D/IPPOLITI – LE PASTE DI GOZZANO: Breve viaggio in cucina tra poeti, letterati e cantanti 

Io sono innamorato – di tutte le signore – che mangiano le paste – nelle confetterie.
Signore e signorine – le dita senza guanto – scelgon la pasta. – Quanto ritornano bambine!…”
(Guido Gozzano)

le paste di gozzano.jpg

LE PASTE DI GOZZANO Breve viaggio in cucina tra poeti, letterati e cantanti 
a cura di MARIANO VIGNOLI, sarà il tema principe che si terrà domenica 17 febbraio a partire dalle 16.00 all’Associazione Postumia di Gazoldo degli Ippoliti (piazzetta Postumia 2). L’incontro è aperto a tutti e al termine, degustazione delle paste della premiata Pasticceria Zaninelli del luogo.

Sul palco della Postumia alle ore 17.00 torna la Piccola Orchestrina Cantastorie Castellani PIÖCC che presenta  “27 luglio 1914: ultimo giorno di pace”

Piccola Orchestrina Cantastorie Castellani.jpg

Lo spettacolo teatralemusicale, scritto da Nicola Armanini, indaga la vita dei soldati durante la Grande Guerra, sia seguendo fonti precise che romanzando grazie alla maestria dei cantastorie, ai loro costumi, soprattutto alla loro musica: un viaggio a ritroso di cent’anni. Prezioso è stato, per il percorso teatrale, il testo di Giancarlo Cobelli “Vite spezzate…”. 
La messa in scena dello spettacolo è dei PIÖCC capitanati da Nicola Armanini Marina Castelli, cui si affiancheranno gli istrionici Renzo Cerutti, Salvatore Finocchiaro Nadia Tononi. L’orchestrina è nelle mani di Tamer Abdalla alle tastiere, Claudio Bazzani alla chitarra solista, Germano Sandonini al basso, Enrico Pasini alla chitarra e William Fogliata alle percussioni.

Annunci

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.