VENEZIA – L’Artista mantovana ANNA SOMENSARI protagonista nel testo di Storia dell’Arte “L’evoluzione dell’Arte Moderna tra Ventesimo e Ventunesimo secolo”

Dopo una scrupolosa selezione di artisti realizzata dall’ing. Gennaro Corduas, critico d’arte e direttore artistico dell’Associazione Culturale Napoli Nostra e dal prof. Rosario Pinto, critico e storico dell’arte, l’artista mantovana ANNA SOMENSARI sarà inserita nel testo di storia dell’ArteL’evoluzione dell’Arte Moderna tra Ventesimo e Ventunesimo secolo” che dopo la sua pubblicazione, verrà presentato a Parigi alla Citè Internazionale Universitarie ed archiviato nella Biblioteca Thomas J. Watson del Metropolitan Museum of Art di New York.

Inoltre, la pittrice Anna Somensari sarà presente con alcune sue opere, nell’ambito della Mostra Collettiva a tema libero di pittura, scultura e fotografia dal titolo “L’arte tra sogno e realtà”che si terrà alla Scuola Grande di San TeodoroVeneziaSan Marco dal 2 al 9 marzo 2019. Questa esposizione si terrà in concomitanza con il Carnevale di Venezia ed avrà una visibilità straordinaria, in quanto la Galleria si trova nel centro storico di Venezia, vicino a piazza San Marco. In tale periodo si prevede l’arrivo da tutto il mondo oltre che di amanti e collezionisti d’arte, galleristi, critici e storici dell’arte, soprattutto di un gran numero di turisti, che attratti dai tanti eventi legati al Carnevale affolleranno questa meravigliosa città e le sale espositive.

 

Al vernissage di sabato 2 marzo – ore 17.30, ci sarà una presentazione e un dibattito sul tema della mostra, a cui parteciperanno critici e giornalisti di fama nazionale ed internazionale.

anna somensari opre su iuta 2.jpg

Anna Somensari è nata e vive a Mantova, nipote del pittore Luigi Somensari.

Da sempre appassionata di pittura che pratica già dagli anni giovanili, ma solo a partire dai primi anni ’90, si dedica con costanza e impegno professionale a questa disciplina artistica.

Nella sua arte c’è stata una costante evoluzione: dal periodo tardo impressionista a quello dei “vecchi muri”, su tela di sacco, sino all’astrattismo simbolico concettuale che trova, tuttavia, le sue radici in una libera e liberatoria interpretazione del modello figurativo.

Alcune sue opere fanno parte di una collezione privata nel Massachusetts.

(GB) (foto delle opere per gentile concessione dell’artista)

Annunci

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.