COMUNE MANTOVA – APPROVATO IL PROTOCOLLO D’INTESA CON AVIS PER SOLIDARIETÀ E CULTURA DEL DONO

La Giunta comunale in data odierna (18 settembre 2019) ha aderito alla campagna di sensibilizzazione della donazione di sangue, promossa da Anci Lombardia e Avis regionale, approvando lo schema di Protocollo d’intesa tra il Comune di Mantova e l’Avis territoriale.

avis.jpg

Tale protocollo mira a “Rafforzare il senso di solidarietà e sostenere la cultura del dono sensibilizzando anche i giovani cittadini”. L’accordo avrà la durata di tre anni, con la possibilità naturalmente di rinnovo alla scadenza. La sottoscrizione del Protocollo d’intesa, che non comporta alcun onere finanziario a carico del Comune, coinvolgerà direttamente l’Anagrafe e Stato Civile (presso servizi demografici, in via Gandolfo 11) e lo Sportello Semplice dei Servizi Sociali –Welfare (presso servizi Sociali, in via della Conciliazione 128).

Questi uffici dell’ente saranno dei punti di distribuzione e ritiro dei modelli di disponibilità a ricevere maggiori informazioni da parte di Avis sulla possibilità di diventare donatori di sangue.

A.Caprini assessore comune di Mantova

L’accordo è finalizzato a sensibilizzare la cittadinanza sull’importanza di tali tematiche – ha detto l’assessore al Welfare del Comune di Mantova Andrea Caprini –, facendo crescere la consapevolezza della necessità di donazioni regolari per assicurare la qualità, la sicurezza e la disponibilità del sangue per i pazienti che ne hanno bisogno. L’Amministrazione comunale è da sempre fortemente impegnata nella realizzazione di una serie di interventi e servizi a favore delle realtà associative, in primis quelle di volontariato che operano nel settore sociale e socio-sanitario del territorio. Su questo versante riconosciamo l’indispensabile attività svolta dall’Avis di Mantova a favore dell’intera collettività”.

Le finalità del protocollo sono quelle di promuovere lo sviluppo della cultura del volontariato e l’informazione e l’educazione sanitaria verso i cittadini, favorendo la diffusione del concetto di prevenzione e promozione della salute.

Inoltre, quello di favorire lo sviluppo della donazione, volontaria, periodica, anonima, responsabile, associata e non remunerata, di sostenere i bisogni di salute dei cittadini, favorendo il raggiungimento e il mantenimento dell’autosufficienza del sangue e di tutelare il diritto alla salute dei donatori e di coloro che necessitano di essere sottoposti a terapia trasfusionale.

Annunci

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.