MANTOVA – FUMANA 2019: AL VIA DALLA CASA DEL RIGOLETTO LA MARATONA DI INIZIATIVE GRATUITE

fumana-mantova-2019.jpg

Prenderà il via domani,  venerdì 8 novembre 2019, alle ore 18.00, con l’incontro alla ‘Casa del Rigoletto’, dedicato al lascito culturale di Dino Villani, la maratona di iniziative culturali, ginniche e gastronomiche, tutte gratuite, organizzate a corredo della terza edizione di Fumana, la manifestazione dedicata a uomini e donne di pianura, che vivono la nebbia come collante metafisico padano, ideata dal ‘Collettivo Fumana’, con il prezioso contributo del circolo culturale de ‘Il Notturno’ e la collaborazione di ‘Terre di Lombardia’ e patrocinata dal Comune di Mantova.

Dino Villani

Il primo incontro sarà condotto da Nicola Sometti e si parlerà, con Ferdinando Capisani, Isa Gorreri, Beatrice Palvarini e gli ‘Amici del Premio Suzzara’, della figura di Dino Villani,  nei tanti campi in cui ha esercitato una forte influenza e scritto pagine importanti: nell’arte, nella creatività, nella cucina e nell’immaginario collettivo.

La serata proseguirà, alle ore 20.00, all’’Osteria 26 di Piazza Sordello’, con un aperitivo ispirato a una delle grandi passioni del maestro Dino Villani, la gastronomia, durante il quale saranno ripercorsi i fasti del ristorante suzzarese ‘Cavallino Bianco’ e dell’’Accademia della Cucina Mantovana’.

Per tutti i nottambuli molti saranno gli appuntamenti di sabato 9 novembre 2019, a partire dalle ore 22, quando alla ‘Casa del Rigoletto’, saranno proiettate le testimonianze di Villani, Zavattini, Piubello e Brera. Dalle ore 2 alle ore 4, in una location curiosa, fra le scansie del ‘Carrefour’ in Piazza 80° Fanteria 1/3, si ascolteranno le storie della nebbia, tratte dal saggio, edito da Einaudi, a lei dedicato da Umberto Eco e Remo Ceserani, raccontate dagli attori di ‘Ars Creazione e Spettacolo’.

Ma la notte è lunga per i partecipanti alla maratona. Alle ore 4.00 infatti, tutti gli appassionati di fotografia, potranno cimentarsi per le vie della città in un laboratorio dedicato agli scatti notturni condotto da Claudio Brambilla, mentre alle ore 6.00, gli amanti delle curiosità etno-topografiche, guidati dal piffero magico di Giacomo Cecchin, vagheranno per i luoghi dei set cinematografici di Mantova.

“Mantova è una ‘Cinecittà’ sulle rive del Mincio, un set cinematografico a cielo aperto. Non sempre nei film Mantova appare come tale, ma questo aggiunge fascino: pensiamo ad esempio all’ultimo film su Romeo e Giulietta, che ha visto molte scene veronesi girate a Mantova, oppure a ‘La marcia su Roma’, dove la nostra città diventa la Milano degli albori del fascismo. Una passeggiata all’alba tra le vie e le piazze del centro, perché il cinema non solo è luce, ma anche ombre e soprattutto fumana”, ha dichiarato Giacomo Cecchin.

Si proseguirà, alle ore 8.00, al ‘Cinema del Carbone’, dove sarà proiettato il film ‘La marcia su Roma’, diretto da Dino Risi, con Gassman e Tognazzi, ambientato in molte scene a Mantova, cui seguirà, alle ore 10, la colazione del campione, allestita al ‘Bar Noce’ in Via Orefici 5.

Per concludere la maratona, dalle ore 12.00 alle ore 16.00, nel cortile e nelle sale espositive della ‘Casa del Rigoletto’, alcuni valenti e coraggiosi artisti del carboncino e della fusaggine, coordinati da Vincenzo Denti, riprodurranno i volti di Villani, Zavattini, Piubello e Brera, oltre a realizzare alcuni piccoli disegni di vitelli, da regalare ai passanti più curiosi, nello spirito che animò il ‘Premio Suzzara’ degli anni d’oro.

L’ultimo evento inserito nel programma prenderà il via alle ore 16, alla ‘Casa del Rigoletto’, dove Adalberto Scemma, Gianni Fava e gli amici di ‘Terre di Lombardia’ commenteranno la fantasia linguistica di Gianni Brera, un altro grande uomo delle terre piatte.

fumana

Domenica 10 novembre 2019, sarà anche l’ultimo giorno utile per visitare la mostra Dino Villani che non ti aspetti, allestita alla ‘Casa del Rigoletto’, dove sono esposti quadri e incisioni del poliedrico uomo di cultura della pianura, grande creativo e artista, nogarese di nascita e suzzarese d’adozione, provenienti da collezioni private.

Dino Villani (1898-1989) fu un pubblicitario di prima grandezza, tra gli anni trenta e cinquanta del Novecento. Lavorò a Milano per grandi aziende (Motta, Carlo Erba), con invenzioni destinate a entrare nell’immaginario collettivo, come la colomba pasquale e l’istituzione della festa degli innamorati nel giorno di San Valentino.

Nel 1939 creò con Cesare Zavattini il premio ‘5000 lire per un sorriso’, che diventò in seguito ‘Miss Italia’, da lui presieduto fino al 1958.

premio suzzara assegnazione

Il sodalizio con Zavattini ci concretizzò nel 1948 con il ‘Premio Suzzara’, che negli anni vide passare i grandi nomi dell’arte delle nostre terre e nazionale. Fondò con Orio Vergani l’Accademia Italiana della Cucina e, con la famiglia Gorreri, trasformò il ristorante ‘Cavallino Bianco’ in un vero e proprio punto di ritrovo per artisti, naifs e intellettuali.

 

 

Annunci

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.