CORONAVIRUS, ROLFI: SU COMPARTO AGRICOLO MISURE TROPPO DEBOLI, GOVERNO ASCOLTI TERRITORI

FABIO ROLFI.jpg

Milano, 8 aprile – L’assessore regionale all’Agricoltura, Alimentazione e Sistemi verdi, Fabio Rolfi, in merito agli interventi per il comparto agricolo in relazione all’emergenza coronavirus si è espresso in questi termini – “Ben venga il decreto sull’anticipo Pac potenziato al 70% erogato in forma agevolata. Viene accolta una richiesta delle Regioni. Si tratta però di fondi che erano già a disposizione del comparto agricolo e che vengono semplicemente anticipati. Quindi, al momento, non si vedono, dal Governo risorse nuove e nemmeno modalità semplificate di accesso alla liquidità. Serve uno sforzo ulteriore, anche nelle capacità di ascolto dei territori. Il settore primario è quello che sta tenendo in piedi il Paese garantendo cibo agli italiani in una situazione di difficoltà. Un comparto che ha continuato a produrre scontrandosi con i rischi e con le mutate esigenze di mercato“.

LE PROPOSTE DEL SISTEMA DELLE REGIONI

Il sistema delle Regioni – ha ricordato Rolfi – aveva avanzato una serie di proposte, ma, al momento, non abbiamo avuto riscontro“. “Si  tratta – ha dettagliato – di fondo di indennizzo per il comparto florovivaistico, rimasto senza sbocchi di vendita; misure efficaci e a burocrazia zero per accesso alla liquidità, lavorando su confidi e fondi Ismea; possibilità di sostegno al mondo del latte attraverso un fondo per risarcire la minore remunerazione; accelerazione sul bando indigenti; semplificazione dei voucher“.

MISURE UTILI PER L’AGRICOLTURA

Molte misure – ha aggiunto – senza risposte e di cui l’agricoltura ha fortemente bisogno“.

GLI INTERVENTI DI REGIONE LOMBARDIA

La Regione Lombardia è intervenuta in queste settimane con interventi dedicati all’agricoltura. “Abbiamo stabilito – ha ricordato Rolfi – la riapertura dei mercati coperti con la garanzia di rispettare le misure di sicurezza, la possibilità di vendita a domicilio per il florovivaismo, la possibilità di consegna a domicilio per gli agriturismi, la deroga per il siero latte nei biogas, stanziato fondi all’agricoltura di montagna”. “E ancora, abbiamo abbattuto – ha proseguito – gli interessi bancari per le aziende agricole, capitalizzato i fondi di mutualizzazione, convocato il Tavolo, suinicoltura e il Tavolo latte. Chiediamo al Governo – ha concluso Rolfi – la stessa concretezza e celerità di intervento“.

(fonte Lombardia News)

Annunci

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.