SAN MATTEO/DIASORIN: PLASMA IPERIMMUNE PAVIA E MANTOVA RIDUZIONE MORTALITÀ DAL 16% AL 6%

Milano, 17 luglio –  “Ottima notizia dal Consiglio di Stato“. Parte da questa considerazione, sulla sua pagina Facebook, il presidente della Regione Lombardia, Attilio Fontana, per commentare la decisione del Consiglio di Stato in merito alla vicenda del Policlinico San Matteo di Pavia e Diasorin sui test sierologici.

 

La Ricerca pubblica italiana – scrive Fontana – non può rimanere imbrigliata. Una decisione che va nella direzione auspicata dall’Irccs San Matteo di Pavia che dopo la sentenza del Tar era stato costretto ad interrompere gli studi e le sperimentazioni avviati“.

L’Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico ha mostrato durante l’emergenza Covid tutta l’eccellenza dei professionisti che vi operano. Non bisogna dimenticare che – prosegue il governatore – il test per la ricerca degli anticorpi neutralizzanti messo a punto con la Diasorin aveva uno scopo preciso: individuare i soggetti più adatti per la donazione del plasma iperimmune.  Grazie a quel test, il San Matteo, con l’ospedale Poma di Mantova, ha potuto sperimentare la terapia che ha portato a una riduzione della mortalità dal 16 a 6% dei pazienti Covid“.

Voglio anche ricordare – conclude Attilio Fontana – che tale terapia oggi è applicata in tutta Italia ed è oggetto di studio anche in ambito europeo e internazionale, così come anche il test Diasorin“.

(LNews)

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.