BENTORNATO FEDERICO, ALL’AUDITORIUM UN INCONTRO CON CAVAZZONI

REGGIOLO – Una domenica parlando di un grande maestro della cinematografia italiana. Per due mesi, all’auditorium dedicato a Federico Fellini e Giulietta Masina in viale Marconi a Reggiolo, la rassegna “Bentornato Federico” offrirà l’occasione di approfondire la conoscenza di Fellini e della sua opera. 

Quattro incontri con artisti ed esperti guideranno il pubblico in un percorso che si concentrerà sull’educazione allo sguardo, all’ascolto e alla comprensione del linguaggio visivo e cinematografico. Il primo appuntamento, fissato per domenica 11 ottobre alle ore 17:00, vedrà Ermanno Cavazzoni affrontare il tema “L’ironia compagna perpetua di Fellini”. Insieme allo scrittore si approfondiranno diverse sequenze prese dai film di Fellini per commentarle e mostrare come i momenti lirici, romantici, mistici o poetici siano sempre accompagnati da un controcanto comico o ironico che li smonta e li irride. E viceversa il comico è imbottito spesso di tragico o di una sequenza contraria e dolorosa.

Ermanno Cavazzoni, nato nel 1947 a Reggio Emilia, vive a Bologna dove insegna all’Università. È scrittore di romanzi e racconti, tra cui “Il poema dei lunatici” (1987) – dal quale Federico Fellini ha tratto il suo ultimo film “La voce della luna” – “Vite brevi di idioti”, “Storia naturale dei giganti” o “Gli eremiti del deserto”. Nel corso degli anni ha collaborato con musicisti, ha scritto testi teatrali, trasmissioni radio e film. Ha curato il libretto per l’opera Esame di mezzanotte (musica di Lucia Ronchetti, Mannheim 2015) e di Galleria San Francesco (musica di Tristan Honsinger, Bologna 2002).

La rassegna proseguirà il 25 ottobre, sempre alle ore 17 all’auditorium cittadino, con l’incontro “Le città di Fellini. Immagini per un’urbanistica prodigiosa” che vedrà l’intervento di Marco Bertozzi, regista, storico del cinema italiano e docente di Cinema all’Università Iuav di Venezia. La capacità di ridefinire gli immaginari del suo borgo (Rimini) o della metropoli (Roma) di Venezia come di Reggiolo, ha fatto di Fellini un magico urbanista del cinematografo. Così, attraverso il suo liberatorio scarto creativo, ci ha consegnato altri modi di amare e di sognare le nostre città. O forse le ha cambiate veramente.

Il 15 novembre sarà la volta di Gian Luca Farinelli, direttore della Cineteca di Bologna dal 2000, che parlerà de “La cineteca di Bologna e il progetto Fellini 100”. Sarà uno sguardo sulla figura del grande realista, il grande trasfiguratore, l’antropologo, il vincitore di Oscar, l’inventore della Dolce Vita ma anche di Amarcord, il marito di Giulietta Masina, il regista con i migliori collaboratori – da Flaiano a Rota, da Donati a Ferretti –, il creatore di icone, l’artista che conclude le sue opere chiedendo maggiore silenzio.

Il calendario di “Bentornato Fellini” si concluderà il 29 novembre con il musicista e compositore Alessandro Pivetti e la lezione-concerto in collaborazione con il Circolo musicale G. Rinaldi  “Musica in pellicola”, perché il Maestro può essere ricordato per una specifica melodia. Attraverso le note delle più famose colonne sonore, Alessandro Pivetti accompagnerà il pubblico in un percorso che punta a valorizzare il ruolo della musica in un’opera di narrazione, avvalendosi della collaborazione di alcuni musicisti del circolo musicale G. Rinaldi di Reggiolo.

Per partecipare agli incontri (max. 100 posti) la prenotazione è obbligatoria (biblioteca comunale, tel. 0522 213713).

Tutti gli appuntamenti del progetto, curato da Giovanni Fava e Devis Ferrari in collaborazione con l’amministrazione comunale e il patrocinio della Regione Emilia Romagna, saranno trasmessi in diretta facebook sulla pagina del Comune di Reggiolo.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.