SOMETTI: INCONTRI CON GLI AUTORI DIEGO BOCCHI A GONZAGA E ALBERTO SOGLIANI A MANTOVA

Nuovi appuntamenti con gli autori della Editoriale Sometti: Martedì 15 giugno alle ore 21:00 Diego Bocchi, all’Arena Estiva di Gonzaga e Alberto Sogliani, Giovedì 17 giugno alle ore 18:00 a Mantova, Arena estiva del Cinema Mignon.

Diego Bocchi, viaggiatore solitario innamorato del Medio Oriente, presenta Apeiron. Diario di Siria: un taccuino di racconti e pensieri, raccolti durante il viaggio in un paese martoriato da una guerra devastante. Bocchi testimonia le ferite del conflitto ma anche l’umanità, i colori e la dignità di un popolo che non si arrende.

L’incontro è ospitato nella nuova Arena Estiva di Gonzaga. Con l’autore dialoga la vicesindaca Carla Ferrari.

La Siria, una terra incantata nel cuore del Medio Oriente. Gli occhi e il taccuino di un viaggiatore immortalano un paese e un popolo, vittime innocenti di una guerra devastante che ha compromesso per sempre le tracce di una storia millenaria.Le immagini e i racconti di Diego Bocchi ci mostrano le ferite aperte di un conflitto ancora incombente, tuttavia restituiscono la dignità di una umanità dolente ma non arresa.

Diego Bocchi segue da molti anni le vicende del Medio Oriente e del mondo islamico, dei suoi luoghi straordinari e dei popoli che li abitano. È stato in paesi come Siria, Afghanistan, Iraq, Libano.
Nei suoi viaggi compie una ricerca che si spinge al cuore dell’umanità di queste terre, in gran parte martoriate da conflitti e in un continuo stato di guerra. Vive a Gonzaga, nel mantovano.

A Mantova, nell’arena estiva del cinema MignonAlberto Sogliani presenta Biancorosso dentro: è il primo evento in presenza per il libro in cui Sogliani racconta la sua storia di tifoso, una vicenda personale e intima eppure simile a quella di tanti.
L’autore dialoga con Alberto Grandi, intervengono gli ex calciatori Franco Panizza e Gabriele “Ciccio” Graziani.

Cosa muove il tifoso di una squadra di provincia, per definizione poco avvezza ai trionfi e più spesso alle prese con sconfitte e improperi? Amore per il pallone, passione, entusiasmo giovanile, certo; ma c’è qualcosa di più: la città, una tradizione familiare, un padre o uno zio che per la prima volta ti portano allo stadio per partecipare a uno straordinario rito collettivo. E poi gli amici che soffrono insieme a te, con una perseveranza che agli occhi profani può sembrare masochismo. E forse lo è davvero.

Eppure quella magìa è capace di regalare emozioni indescrivibili: sono quelle che trasmette Alberto Sogliani, giornalista sportivo che in questo diario racconta la sua storia di tifoso. Una vicenda personale e intima eppure così simile a quella di tanti di noi, innamorati di una maglia che ti strega al primo sguardo.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.