BILANCIO POSITIVO PER LA BOVIMAC DELLA RIPARTENZA: 7.500 VISITATORI E SI PENSA GIÀ AD AMPLIARE LA FIERA EDIZIONE 2022

Si è chiusa oggi la tre giorni di Bovimac, fiera nazionale della macchinazione agricola e della zootecnia alla Fiera Millenaria di Gonzaga, che ha totalizzato 7.500 visitatori. Un’edizione molto particolare, tornata dopo quasi due anni di assenza a causa della pandemia, che ha riscosso grande interesse da parte del pubblico e degli espositori. E per il prossimo anno si pensa già ad ampliare la manifestazione.

“E’ un ottimo risultato: il bilancio di questa Bovimac è decisamente positivo. – commenta il presidente di Fiera Millenaria Srl Giovanni Sala – Le premesse erano buone: fin da subito abbiamo riscontrato una risposta entusiasta da parte degli espositori, con un numero di richieste superiori agli spazi disponibili. Per questo, per la prossima edizione, stiamo pensando ad allargare la manifestazione. La collocazione in questo nuovo periodo dell’anno (all’inizio di dicembre, anziché a gennaio), già ipotizzata prima della pandemia, si è rivelata positiva e verrà confermata”.

“Anche quest’anno – prosegue Sala – non è mancato il supporto di Regione Lombardia (rappresentata dall’Assessore all’Agricoltura Fabio Rolfi che ha inaugurato la fiera), con cui continueremo un percorso di crescita e specializzazione. Fondamentale, poi, la collaborazione con ACMA – Confcommercio Mantova, associazione dei commercianti di macchine agricole, e A.R.A. – Associazione Regionale Allevatori Lombardia, entrambe parte attiva nello sviluppo dell’offerta espositiva e della sezione zootecnica, che quest’anno è stata dedicata al tema della selezione genetica raggiungendo livelli altissimi. Prezioso, poi, il contributo delle associazioni di settore Coldiretti, Confagricoltura, Confai e Confcooperative, che hanno portato in fiera momenti di approfondimento e convegni di spessore, sempre molto partecipati”.

Nell’ultima giornata di Bovimac si è svolta anche la finale della Mostra bovina della frisona dedicata alla selezione genetica, che ha premiato il capo Goldfarm Gertie dell’azienda agricola Rinascente della famiglia Lovato di Curtatone come miglior capo della manifestazione.

Al secondo e terzo posto si sono classificate le bovine della società agricola Oitana di Torino e di Errera Holsteins di Mantova. L’allevatore più premiato della competizione è stato Davide Errera, proprietario di Errera Holsteins.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.