SPETTACOLO – CULTURA – SPIRITI IN CASTELLO: nuova edizione 18 giugno in ROCCA SANTIVITALE DI FONTANELLATO con mentalista BUSANI

Nel 1846 nasce ufficialmente lo Spiritismo. In quegli stessi anni in Emilia-Romagna il Conte Alberto Sanvitale e la sua sposa Laura Malvezzi vivevano nella Rocca Sanvitale e si dilettavano a stupire gli ospiti con la Camera Ottica, gioco di prismi nella torretta sud est del castello, strizzando l’occhio a scienza, incanto e magia. Frattanto il Conte Stefano Sanvitale si esibiva come musicista al Teatro Regio di Parma.

Busani-OVER-Metaverso

Ispirato a questo particolare contesto di metà e fine Ottocento, nella corte di pianura di Fontanellato, nasce un evento unico nell’incanto sospeso della loggia all’aperto della Rocca Sanvitale di Fontanellato (PR), con visita guidata al maniero e spettacolo di mentalismo “Spiriti in Castello” seduti nel loggiato: sabato 18 giugno, sabato 16 luglio, sabato 20 agosto torna dopo due anni di stop a causa della pandemia, rinnovato nel format, l’evento Spiriti in Castello, in carnet alle  ore 19:00.

Si tratta di uno speciale spettacolo, unico nel suo genere: un appuntamento con il mentalista emiliano Francesco Busani – autore di Mentalismo con la Ouija, dedicata agli illusionisti, ai ricercatori, alle persone desiderose di capire i segreti del paranormale – non solo alla ricerca degli spiriti del maniero ma un viaggio nella magia che rievoca le strabilianti performance dei medium di epoca vittoriana. Busani, illusionista ospiti di prestigiosi festival della magia, guiderà i partecipanti in una vera e propria experience.

Lo spettacolo è sconsigliato ai minori di anni 16. In caso di maltempo lo spettacolo, dopo il tour guidato, si svolgerà non sul loggiato ma nella Sala delle Armi, sempre con pubblico seduto e nel rispetto di tutte le normative di sicurezza vigenti.

Illusionismo e metaverso: il mentalista Francesco Busani promuove il suo spettacolo attraverso OVER, un metaverso.

“Per la prima volta un mentalista si appoggia ad un metaverso per promuovere un evento – spiega Francesco Busani – dando inizio a una serie di infinite interazioni di cui questa, sono convinto, sarà solamente una prima scintilla. Penso che in futuro anche gli spettacoli e le performance illusionistiche, saranno progettate per avere un’interazione con il metaverso”.

Per l’illusionista Busani non è una novità aprire la strada a nuove tendenze: già inventore del mentalismo “one to one”, Francesco spiega perché ha pensato al metaverso come nuova risorsa: “Vedo una forte correlazione, ai fini del mio spettacolo, tra l’aldilà e il metaverso: sono due realtà invisibili, protette da un linguaggio iniziatico”.

Il metaverso non interagirà con lo show, ma servirà, invece,  ad aggiudicarsi un ingresso omaggio a Spiriti in Castello riservato a chi troverà per primo l’oggetto virtuale situato nel cortile e nell’ingresso del Museo della Rocca.

Dal 1846 esiste un metodo, codificato e sperimentato, per contattare gli spiriti. Mi trasformerò in un medium per uno spettacolo dove la paura può diventare l’unica, vera, protagonista. Ci credete?”: così Francesco Busani invita gli spettatori a vivere questa particolare experience castle.

Ad ora lo spettacolo è stato realizzato in maniera diversa solo nel Castello di San Pietro in Cerro (PC), nel Castello di Contignaco (PR), nella Rocca di Fontanellato (PR) nel circuito Castelli del Ducato e nel Castello Orsini (Roma).

Spiriti in Castello non è solo uno spettacolo, ma una vera e propria esperienza.. Una guida accompagna il pubblico illustrando gli ambienti, le opere d’arte, la storia della Rocca Sanvitale. Nel loggiato affacciato sul fossato colmo d’acqua si svolge invece la mind performance del mentalista.

Il mentalista, sul loggiato o nella Sala delle Armi, evocherà gli spiriti proponendo agli ospiti alcuni effetti di spiritismo. 

Come ogni castello che si rispetti, chissà se anche la Rocca Sanvitale di Fontanellato nasconde al suo interno misteriose presenze che danno origine a leggende? Spaventose? Sorprendenti? Magiche? Starà a voi scoprirlo.

Ci sono quelli malinconici e quelli inquietanti. Ci sono quelli burloni e un po’ arlecchini. Ci sono quelli in cerca di pace eterna e giustizia sia fatta. Ci sono quelli languidi e dolcissimi. Le più belle pagine della letteratura, ghost novel, sono piene di storie di fantasmi. Ci sono i medium, i veggenti, i sensitivi tra i quali Eusapia Palladino, che nella storia dello spiritismo è stata la medium che è riuscita a convincere molti (ma non tutti) dell’autenticità dei suoi poteri medianici, Alessandro Conte di Cagliostro, al secolo Giuseppe Balsamo (1743-1795), un avventuriero che acquisì fama di mistico e alchimista, Harry Houdini, prestigiatore di fama, che non pretese mai di avere facoltà paranormali, anzi, negli ultimi anni della sua vita rivolse le sue forze a svelare i trucchi di medium e spiritisti. E poi ci sono luoghi, spesso antichissimi castelli, dove spettri e presenze sono collegati alla leggenda del luogo.

La Rocca Sanvitale di Fontanellato, a 19 km da Parma, nel cuore dell’Emilia-Romagna, è un castello di epoca medievale – come origine – ingentilito in corte rinascimentale secoli dopo, interamente circondato da un fossato d’acqua e reso unico dagli affreschi del Parmigianino e dalla maestosità del suo profilo che connota il borgo e il centro storico.

Tra storia e leggenda. L’altra inquietante presenza è la piccola Maria Sanvitale, figlia di Luigi Sanvitale e Albertina di Montenuovo e morta all’età di 5 anni. Il suo spettro sarebbe rimasto imprigionato nella cappella di San Carlo, dove si trova anche una sua piccola lapide, mentre nella Sala di Maria Luigia d’Austria è conservato uno splendido bassorilievo che ritrae il suo tenero viso. La piccola Maria vaga nel castello alla ricerca dei suoi giochi e di un contatto fisico con i visitatori che ultimamente ne hanno catturato l’immagine riflessa su un vetro. Inoltre, qualche anno fa, un disegno di un volto dai tratti infantili è apparso su un muro, in una stanza chiusa al pubblico e non accessibile” spiega il mentalista Francesco Busani.

Francesco Busani è un mentalista professionista, indagatore dell’occulto e studioso di misteri ed esoterismo. Si è esibito in teatri, locali, convention e festival di strada. E’ il primo performer al mondo ad aver approfondito dal punto di vista teorico e pratico il mentalismo one to one.

I tour operator interessati nel 2022 ad organizzare e promuovere l’iniziativa anche per gruppi organizzati in date ad hoc possono scrivere a: rocca@fontanellato.org

La prenotazione è obbligatoria. Costo: 30 Euro.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.