OSPEDALE CARLO POMA DI MANTOVA – Blocco E: ecco il primo layout dei reparti finanziato da Regione Lombardia

Un edificio di sei piani adiacente al blocco A per un investimento di oltre 40 milioni di euro. Sarà presentato ad Aria entro il 31 dicembre il progetto definitivo per la costruzione del blocco E dell’ospedale “Carlo Poma” di Mantova, finanziato da Regione Lombardia.

Nei giorni scorsi è stato tratteggiato il primo layout della nuova ala che completerà il Carlo Poma: al piano interrato locali tecnici, depositi e spogliatoi; al piano terra il Pronto Soccorso, al primo piano ambulatori (con accertamenti preoperatori, centro tao e servizio trasfusionale); al secondo piano i Laboratori Analisi e di Medicina Trasfusionale; al terzo piano altri locali del Laboratorio Analisi; al quarto piano l’Anatomia Patologica; al quinto piano il rustico e al sesto piano gli impianti gli impianti e la predisposizione per l’elisoccorso.

In questa fase i tecnici di Asst effettueranno i rilievi morfologici propedeutici alla stesura del progetto, che verrà consegnato ad Aria affinché proceda con il bando di gara per l’affidamento dei lavori.

TRIAGE PRONTO SOCCORSO

Prosegue a pieno ritmo, nel frattempo, la riqualificazione del triage del Pronto Soccorso di Mantova, iniziata il 14 settembre con l’intento di ottimizzare gli spazi e creare un doppio livello di accettazione per smistare i pazienti a seconda della loro gravità. Obiettivo: rendere i tempi d’attesa sempre più brevi, ottimizzare la gestione dell’utenza e i percorsi di diagnosi e cura, ampliare i locali destinati all’osservazione. La conclusione dei lavori è prevista per la fine di settembre.

PRONTO SOCCORSO PEDIATRICO

Entro la fine dell’anno, all’ospedale di Mantova, sarà inoltre avviato un intervento di ampliamento del Pronto Soccorso pediatrico, che andrà a occupare, oltre a quelli attualmente in uso, anche i locali a disposizione del Delfino. Quest’ultimo si trasferirà negli spazi di fronte all’ingresso del bar, lungo il corridoio che collega la hall al blocco D.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.