MANTOVA: MUSEO DEL TEMPO SULLA TORRE DELL’OROLOGIO

MANTOVApiazzaerbe

di Mendes Biondo

Dopo i lavori di recupero dovuti dal sisma la Torre dell’Orologio ospita il Museo del Tempo, un excursus veloce ma esaustivo dalla preistoria a dopo Einstein su come l’uomo ha misurato lo scorrere delle ore, dove si potranno ammirare i pezzi originali del vecchio orologio astrologico.

torre-dellorologio-mantova-_-www-culturefor-com-5La Torre dell’Orologio fu innalzata nel 1472 su disegno di Luca Fancelli e l’anno successivo fu arricchita da un orologio pubblico ideato dal matematico e astrologo Bartolomeo Manfredi.

L’orologio, vero gioiello della tecnica, indicava le ore, la posizione dei pianeti, il crescere e il calar del giorno, i segni zodiacali, le fasi lunari e persino i giorni favorevoli per fare salassi, seminare, partire per un viaggio.

Oltre a tutto ciò, tale macchinario fungeva da orologio giuridico. Quando veniva commesso un omicidio si faceva riferimento all’orario che veniva indicato per il decesso e da quello, attraverso una serie complicata di calcoli si otteneva un risultato che andava paragonato ad una tabella precedentemente stilata.

torre-dellorologio-mantova-_-www-culturefor-com-2

Da questa si otteneva una posizione geografica ben precisa all’interno del territorio cittadino. Appena saputo il quartiere e la via si procedeva al prelievo del sospettato che veniva successivamente torturato e, una volta ammessa la colpa, giustiziato. Questa procedura assai bizzarra venne abbandonata intorno al XVII° secolo quando la scienza e la giustizia fecero dei grandi passi avanti relegando la veridicità del giudizio dell’orologio ad una leggenda.

15dp7h4

L’orologio funzionò fino ai primi del Settecento poi fu trasformato in un normale meccanismo per il sole e per le ore; in una ristrutturazione di quel periodo, progettata da Doricilio Moscatelli, furono chiuse le trifore duecentesche e aperte ampie e luminose finestre.

Infine, nella prima metà del Novecento, il Palazzo fu riportato alla struttura originaria dall’architetto Aldo Andreani, che eliminò le sovrapposizioni barocche.

15g5dtz

La Torre è stata affiancata al Palazzo della Ragione, edificato nel 1250. Nel periodo del dominio della famiglia Canossa intorno all’XI° secolo vi era una costruzione di fianco alla Rotonda di San Lorenzo adibita a ospizio per i pellegrini che venivano a Mantova per le Sacre Reliquie del Sangue di Cristo, successivamente trasformata in palazzo comitale e poi vescovile fino a che il Comune nel 1251 lo ricostruii adibendolo a Mercato delle Biade.

Nelle parte dei portici, oggi occupata da vari negozi e ristoranti, vi erano gli “uffici Comunali” dell’epoca: registro degli “Istrumenti , il dazio etc.

Nel periodo gonzaghesco fu congiunto al palazzo del Podestà e dopo che questo fu distrutto da un incendio nel 1413 fu denominato Palatium Juris per  lo svolgimento delle cause e dei processi. L’edificio fu più volte modificato e rimaneggiato.

(n.2 foto di CultureFor)

Rispondi