GIORDANO NONFARMALE “Male” – PROFILO DI UN ARTISTA

    VENEZIA dall’11 al 20 luglio 2015

MANTOVA dal 12 al 31 luglio 2015

Nonfarmale

di Paolo Biondo

Diventano sempre più ampi i confini della popolarità e dei consensi che può oggi vantare Giordano Nonfarmale -Male- grazie alle sue opere.

Il pittore virgiliano ha raggiunto traguardi di grande prestigio che confermano come il suo stile e il tratto con i quali realizza i suoi dipinti sia unico. I suoi quadri raccontano con le loro diverse sfumature emozioni; emozioni che l’artista ha saputo trasferire sulla tela evidenziando una semplicità, ma al tempo stesso una forte intensità di pensiero che regolarmente fanno breccia nella mente di chi li ammira.

Sin da giovane egli sentiva dentro di sé la passione per la tavolozza ed i colori, il primo impulso lo percepì ammirando un quadro di De Chirico dal titolo “La malinconia della strada” che era pubblicato su un testo scolastico denominato “Spera di sole”.

Dario, palazzo te-mantova -sala dei cavalli_1992-questo disegno fa parte di una serie di disegni eseguiti a palazzo te mn_20x15_

Da qui inizia un percorso artistico fatto tutto di grande passione e capacità naturale di dare anima e voce ai pennelli che si muovo praticamente a memoria sulla tela.

Ama la pittura fiamminga, ma dentro di sé si sviluppa un pensiero artistico che lo porta a cimentarsi in varie tecniche dall’astratto all’informale, al figurativo.

Il desiderio di essere pittore a tutto tondo lo porta a compiere scelte che gli consentiranno di venire apprezzato per le sue “idee” in moltissimi ambienti pittorici e soprattutto dalla critica che ha visto il lui una sorta di innovatore.

463063_279239295492246_1805972415_o

Con il passare degli anni ha maturato, quindi, una capacità di essere riconosciuto nel proprio tratto seppur ogni suo quadro sia diverso dal precedente e racconti uno stato d’animo diverso, una situazione diversa, un contesto diverso.

Sul suo cammino “Male”, così viene riconosciuto dagli amici e dagli addetti ai lavori e con questo acronimo firma molte delle sue opere, incontra molti personaggi di spicco del mondo della pittura a partire da Lanfranco, artista mantovano di fama mondiale, che gli offre gli stimoli per crescere ulteriormente e al tempo stesso crea con lui un’amicizia che va ben oltre l’aspetto artistico.

 Più volte ha avuto modo di confrontarsi con Vittorio Sgarbi che solo più tardi e ammirando in vari contesti le opere del pittore mantovano, gli chiede la disponibilità di partecipare a varie collettive.

Corvi su NotreDame e Autoritratto-2010-tecnica mista-72x52_

Al di fuori dal mondo dell’arte incrocia lungo il suo cammino umano persone che lo aiutano a comprendere quanto la vita sia bella anche se nella sfera della propria vita di uomo ha dovuto superare esperienze molto forti.

Tra queste vi è pure suor Elisa, scomparsa lo scorso anno, che da giovane, ai tempi del collegio, gli ha dato consigli e suggerimenti per affrontare la vita nel migliore dei modi.

Oggi lui è solito ribadire che ama la propria giovinezza e per questo nei quadri che realizza riesce a esaltare l’aspetto emotivo.

In ogni suo quadro, inoltre, Giordano Nonfarmale – Male inserisce se stesso raffigurato in mille modi.

CIMG0530

Anche quando, ad esempio, gli viene chiesto di realizzare un ritratto egli lo fa, ma non con gli stereotipi conosciuti bensì creando il tutto all’interno di un contesto che è figlio del pensiero pittorico.

Arrivando ai giorni nostri crea un interessante binomio con un caro amico Natale Paolis con il quale dà vita per due anni consecutivi ad una esposizione che è stata proposta al Foro Boario di Grazie di Curtatone.

Ora le opere di “Male” sono protagoniste di due prestigiosi contesti a livello nazionale.

Il primo di questi è “Dialogando con la Biennale di Venezia 2015” una collettiva promossa dall’Associazione Socio Culturale “Napoli Nostra” e allestita al Centro d’Arte “San Vidal” di Venezia.

Questa esposizione è visitabile sino al 20 luglio, tutti i giorni tranne la domenica, dalle 10,30 alle 12,30 e dalle 16 alle 19,30, e propone quadri, sculture, grafica e fotografia contemporanea alla Biennale di Venezia di artisti europei.

Alcuni suoi disegni sono esposti nella sua Mantova alla Galleria ArteArte, galleria di arte moderna e contemporanea di via Galana 9, sino al prossimo 31 luglio 2015 nell’ambito di “Italian Style”.

In entrambi i contesti “Male” riveste, con le proprie opere, un ruolo di primo piano.

Rispondi