CASTEL D’ARIO – TERZA RASSEGNA “ARTISTI PER NUVOLARI” ALLA CASA MUSEO SARTORI

gruppo Artisti     

dal 13 Settembre al 25 Ottobre 2015

Inaugurazione Domenica 13 Settembre –  ore 11.00

INGRESSO LIBERO

La Casa Museo Sartori di Castel d’Ario (Mantova) in via XX Settembre 11/13/15, dal 13 Settembre al 25 Ottobre 2015 presenta la terza rassegna “Artisti per NUVOLARI” 2015. La mostra antologica, che nasce da un’idea e progetto di Adalberto Sartori, gode dei patrocini di Regione Lombardia, Provincia di Mantova, Comune di Castel d’Ario, Comune di Mantova, Automobile Club Mantova, Museo Tazio Nuvolari, Amici del Museo Tazio Nuvolari, Mantova Corse e Classic Team.

Inaugurazione 1

La mostra “Artisti per NUVOLARI” si inaugurerà Domenica 13 Settembre alle ore 11.00, con interventi di Arianna Sartori curatrice della mostra e del catalogo, Alessandro Pastacci Presidente Provincia di Mantova, Daniela Castro Sindaco di Castel d’Ario, Mattia Palazzi Sindaco di Mantova, Giancarlo Pascal Presidente Automobile Club Mantova, Attilio Facconi storico e autore del testo di presentazione del catalogo, Maria Gabriella Savoia ‘Casa Museo Sartori’ e autrice del testo critico del catalogo e alla presenza degli artisti che sono stati invitati dalla curatrice della mostra Arianna Sartori ha realizzare appositamente un dipinto o una scultura in omaggio al pilota Tazio Nuvolari.

58 opere (400)

In mostra sono esposti 58 opere, tra dipinti e sculture, realizzate da:

Riccardo Accarini • Paolo Baratella • Simon Benetton • Luciana Bertorelli • Emanuele Biagioni • Alberto Bongini • Marco Borgianni • Roberto Borra • Fabrizio Breschi • Tindaro Calia • Mario Cancelliere • Sabina Capraro • Giovanni Cerri • Franco Cimardi • Pasquale Cipolletta • Simone Rossano Cortellazzi • Nicola Costanzo • Diego D’Ambrosi • Marcello Della Valle • Gioxe De Micheli • Alessandro Docci • Gian Paolo Dulbecco • Marina Falco • Giancarlo Ferraris • Rodolfo Fonsati • Maurizio Frisinghelli • Renato Galbusera • Maurizio Galimberti • Aurelio Gravina • Alessandro Liotta • Giovanni Lo Presti • Luca (Vernizzi) • Iacopo Luchini • Riccardo Luchini • Andrej Maksimjuk • Raffaello Margheri • Guido Mariani • Patrizia Masserini • Antonio Miano • Mauro Molinari • Alessandro Nastasio • Aldo Parmigiani • Vincenzo Perna • Beniamino Piantoni • Antonio Pilato • Oscar Piovosi • Carlo Previtali • Massimo Romani • Giuseppe Rovesti • Leonardo Santoli • Giorgio Scano • Fabio Sironi • Carla Tolomeo • Franco Torcianti • Giuliano Trombini • Alberto Venditti • Mario Vitale • Carlo Zoli.

Inaugurazione 2

La mattina dell’inaugurazione a partire dalle ore 10, gli organizzatori hanno predisposto tra le altre cose,  il passaggio dinanzi  la sede espositiva di Via XX Settembre, gli equipaggi protagonisti della gara di auto storiche titolata “Criterium 2015. Prove di abilità per auto di interesse storico. VII° Gran Premio del Polirone Memorial Donato Solieri San Benedetto Po” organizzata da AMAMS Tazio Nuvolari. La sosta delle autovetture avverrà nella Piazza del Castello e gli equipaggi partecipanti (una cinquantina) si recheranno a visitare la rassegna d’arte per rendere un omaggio al campione Nuvolari.

Tazio_Nuvolari

Tazio, Tazio e ancora Tazio

…E così siamo arrivati con soddisfazione alla III edizione della rassegna dedicata a Tazio Nuvolari.

Per la terza volta Casa Museo Sartori si impegna in questa mission, per il recupero (se ce ne fosse bisogno) della figura del pilota mantovano che grazie al proprio valore, ha portato la propria fama fuori d’Italia e a livello internazionale.

Tazio è stato in assoluto, un futurista nel senso completo della parola, l’uomo che è vissuto per vincere, che ha corso per vincere sprezzante del pericolo ed ha vinto moltissime volte.

Il suo modello di vita ha accompagnato lo sviluppo e la crescita dell’Italia contadina verso il mondo della tecnologia e della meccanizzazione. La gente lo amava.

Attorno alla sua figura, sono nate leggende tanto da essere definito nuvola, saetta, diavolo, il miglior pilota del presente e del futuro…, le sue gesta hanno fatto il giro del mondo. Ricordo i due primati internazionali di velocità, sul chilometro e sul miglio con partenza lanciata. Nuvolari li stabilisce il 15 giugno 1935 sull’autostrada Firenze-Mare, facendo registrare rispettivamente 321,428 e 323,125 km/h, con una punta di 336,252 Km/h con l’Alfa Romeo Bimotore e, solo poco più di mese più tardi, è la straordinaria vittoria del Gran Premio di Germania il 28 luglio, a bordo della fedele Alfa Romeo B-P3 davanti alle innovative e rivoluzionarie Mercedes.

Recentemente è stato inaugurato il Museo della Velocità del Circuito di Monza e come non richiamare alla memoria che, proprio a Monza, l’11 settembre 1938, in occasione del XVI Gran Premio d’Italia, Tazio, che partecipava a bordo di un’auto Union D, vinceva la gara I° assoluto.

In un vecchio articolo, di Emilio De Martino, sul “Corriere della Sera” del 12 settembre 1938, leggiamo il commento alla vittoria della gara:

“…Quando arriva Nuvolari è un’apoteosi. A stento si riesce a trattenere la folla entro gli sbarramenti. Ma non appena vengono fermate le altre macchine, il popolo straripa sulla pista: è una fiumana che avanza irresistibile verso il suo campione. Un quadrato di militi riesce ad impedire che il trionfatore del gran Premio d’Italia venga subito sommerso dall’entusiasmo dei suoi ammiratori. Riusciamo ad avvicinarci al mantovano: poche parole scambiate nella baraonda tra le ondate continue del pubblico che tenta di passare ad ogni costo: “…Se avessi guidato una macchina rossa avrei vinto, oggi, la più bella corsa della mia vita…”. Poi l’ondata della folla ci sommerge. Il fatto umano si sovrappone al fatto meccanico. La folla non vede che l’uomo. Ed è l’uomo che ha vinto: un uomo nostro che ha già i capelli rigati d’argento, ma il cuore vibrante di giovinezza…”.

Proprio questa voglia di mettersi in gioco sempre, a tutti i costi, pagando di persona i rischi corsi, dopo tante vittorie, tanti incidenti, tanti pericoli, faceva sì che Nuvolari già avanti negli anni, non rinunciasse a partecipare alla Palermo – Monte Pellegrino, una gara in salita, il 10 aprile 1950, la sua ultima gara.

Un anno prima della morte, Cino Verratti sul “Corriere della Sera”, in un articolo del 9 settembre 1952, di Tazio scriveva:

“…conquistare delle vittorie alla Nuvolari, quando un uomo, dimenticando ogni consiglio di prudenza, dimenticando che si vive una sola volta e che anche le macchine hanno un loro limite di resistenza, si lancia a corpo morto in una battaglia disperata… Nuvolari aggrediva il volante… vinceva con la sua forza nervosa… Nuvolari era impegnato con tutto il corpo, come un lottatore…”.

Ed io aggiungo …che non accettava la vecchiaia tanto da non ufficializzare mai il proprio ritiro.

L’11 agosto 1953 Tazio se ne andava come una brezza leggera, un pilota che con la sua vita aveva segnato il mondo dell’automobilismo e non solo.

Tanti anni dopo, Lucio Dalla nella sua splendida canzone dedicatoria riassumeva le doti del Mantovano Volante:

“…Nuvolari è bruno di colore, Nuvolari ha la maschera tagliente. Nuvolari ha la bocca sempre chiusa, di morire non gli importa niente. Corre se piove, corre dentro al sole, tre più tre per lui fa sempre sette. Con l’Alfa rossa fa quello che vuole, dentro al fuoco di cento saette!”.

Ed eccoci alla mostra, per ricordare come Arianna Sartori, curatrice della rassegna, già dalla fine della sessione precedente aveva cominciato ad invitare gli pittori e scultori noti e di fama in campo nazionale e non solo, ad aderire all’iniziativa per una rilettura dal punto di vista artistico, della figura del pilota, e quindi ad eseguire appositamente un pezzo a lui dedicato.

Ognuno in base alle proprie tecniche, chi scultore, chi pittore, ciascuno ha aderito con entusiasmo al fine di cercare d’analizzare e cogliere questo o quell’aspetto, a riflettere sulle caratteristiche così intriganti del nostro mantovano da farle diventare peculiari all’interno dell’opera realizzata.

A tutti gli artisti va riconosciuto il notevole merito di essersi lasciati coinvolgere in questa avventura, ed a loro va il nostro totale apprezzamento.

Da parte di Casa Museo Sartori, l’orgoglio di aver realizzato una mostra importante ed edito, ancora una volta, un catalogo impegnativo, e di essere riusciti a chiudere il fatidico cerchio, …forse… (…)

Maria Gabriella Savoia

Casa-Museo-Sartori

La rassegna che rimarrà aperta fino al 25 ottobre 2015  ha il patrocinio della Regione Lombardia nella figura del Assessore alle Culture, Identità e Autonomie Cristina Cappellini,  Provincia di Mantova nella figura del Presidente Alessandro Pastacci, Comune di Castel d’Ario nella figura del Sindaco Daniela Castro, Comune di Mantova nella figura del Sindaco Mattia Palazzi, Automobile Club Mantova, Museo Tazio Nuvolari, Amici del Museo Tazio Nuvolari, Mantova Corse Classic Team

Catalogo italiano|inglese: 160 pagine con presentazione di Attilio Facconi e testo critico di Maria Gabriella Savoia, riproduce le 58 opere, le biografie degli artisti e riporta i contenuti in italiano ed inglese – Archivio Sartori Editore, Mantova. € 25,00

Orario: Sabato 15.30-19.30 – Domenica 10.30-12.30 / 15.30-19.00.

Info: tel. 0376.324260    Sito mostra: www.artistipernuvolari.it

 

Annunci

Rispondi