NEL TERRITORIO DI MATILDE: un bus che zizzaga tra pievi e storia

images

 Senza titolo-10000

20 settembre
testimonial d’eccezione EDGARDA FERRI 
partenza da Mantova (P.le Vittorio Veneto) alle ore 9,00
ritorno a Mantova (P.le Vittorio Veneto) ore 18,00 circa

Viaggiare in un Matildebus vuol dire, in una piacevolissima giornata, scoprire a costo zero (salvo la spesa contenuta per un pasto frugale ma di ottima qualità gastronomica e per gli ingressi ai musei pari a venti euro), la gioia della rivelazione di luoghi belli, solari e vivaci che sanno offrire, a chi sa guardare, tesori d’arte e di storia.

La partenza è prevista da piazza Sordello alle 9,00 del mattino e mentre svapora la magnifica skyline della capitale gonzaghesca già si palesa una terra che parla di riso e d’acqua.

Per l’occasione ci sarà un testimonial d’eccezione, Edgarda Ferri, fa rivivere il mito di Matilde nella raffinata preziosità del suo aulico linguaggio narrativo.

4479634

La prima tappa è a Villimpenta, un paese dell’antica giurisdizione civico/religiosa dell’Abbazia di San Zeno di Verona, legata prima a Matilde e poi agli Scaligeri; sarà Renata Casarin, reggente della Soprintendenza, ad accompagnare e a condurre gli ospiti nel recuperato castello scaligero caratterizzato da un possente mastio.

Prossima tappa Casale, verso la cosiddetta Torre Matildica: il prof. Paolo Dugoni spiegherà di tale torre militare dell’XI secolo, oggi trasformata nel campanile dell’adiacente chiesa di San Biagio. Siamo a ridosso delle sponde del Fissero. Poco più in là sorge la Corte Casaletto in cui sopravvivono i ruderi dell’antica chiesa romanica di San Nicola.

S1240004

Ci si volge ora verso Governolo per una rapida visita al Museo del Fiume. Sulla cosiddetta «isola matildica» sorge una torre addossata a una casa merlata. Il prof. Carlo Togliani rammenterà che qui Matilde fece costruire un castello con sette torri, delle quali, però, solo una è sopravvissuta. E intanto ci si inoltra nel territorio di Bagnolo San Vito.

homeSLIDE1

La sosta di mezzogiorno avverrà a ridosso della zona che segna l’incontro del fiume Po con il Mincio, presso l’agriturismo L’albero del Latte vale a dire a Corte Barna, da sempre l’azienda più grande di Correggio Micheli, un piccolo paese che è una grande oasi nel verde.

E regna ora un beatissimo buonumore, gradito effetto collaterale generato dal piccolo-grande miracolo gastronomico capace di scalfire le resistenze di chiunque. È ciò che serve prima di inoltrarsi, alle ore 15,00, nella cosiddetta Montecassino del Nord.

ldc-53e0a28b945a94_49492518-585x

La guida d’eccezione sarà Federica Guidetti, direttrice del Museo Polironiano dove condurrà gli appassionati nel monastero dove Matilde dispose di essere sepolta ad ammirare i secoli di Polirone sempre carichi di arte e di bellezza.

Intorno alle 17,00, la luce dorata del tramonto, sulla via del ritorno, darà il saluto a una esperienza indimenticabile e al piacere di un viaggio che è scoperta della immensa bellezza di questo nostro territorio.

IAT di San Benedetto Po e dell’Oltrepò Mantovano

Piazza Matilde di Canossa, 7 San Benedetto Po

tel. +39 0376 623036 —  fax +39 0376 623021  —  e-mail: iat@oltrepomantovano.eu

IAT MANTOVA Piazza Mantegna, 6 Mantova

tel. +39 0376 432 432 — fax +39 0376 432 433 — sms +39 329 0189367

e-mail info@turismo.mantova.it

Rispondi