FERRARA – Videoarte a Palazzo dei Diamanti. 1973-1979

videoarte_7

Sale Benvenuto Tisi da Garofalo

26 settembre – 18 ottobre 2015

INGRESSO GRATUITO

di Mendes Biondo

Il Palazzo dei Diamanti di Ferrara mette in programma tra le sue mostre un’esposizione che va a ripescare, in un passato non troppo distante da noi, i grandi nomi della video arte e dei performer che hanno analizzato e portato ai massimi livelli la regia e l’utilizzo della “videotape”.  

videoarte_3

A partire dal 26 settembre fino al 18 ottobre, le stanze del Palazzo Ferrarese diverranno supporti e contenitori delle opere realizzate tra gli anni ‘70 e i primi anni ‘90 del Novecento da figure di spicco come Fabrizio Plessi, Christina Kubisch, Angela Ricci Lucchi o Yervant Gianikian che hanno esplorato le possibilità espressive della “pellicola da cassetta” portandole all’intersezione tra Arte concettuale, Body art, Performance art e film d’artista.

La mostra, grazie al contributo del Centro Video Arte di Ferrara, che all’epoca è stato un laboratorio di sperimentazione di rilievo internazionale, ricostruisce la prima, pionieristica, stagione di produzione del Centro ri-presentando le video opere esposte nel 1980 a Torino, nella storica rassegna curata da Janus che testimoniava una prima riflessione sulla natura del video, sulle sue culture, sul suo immaginario, sulla sua estetica.

videoarte_14

Questa forma di espressione artistica nacque, coniato dal mercato dell’arte newyorkese, dalla definizione che ne diede Nam June Paik (tra i pionieri, assieme ai Vasulka e a Godfrey Reggio, della prima epoca della video arte), che intitolava una sua personale del 1968 a New York Electronic Art, dando una prima definizione di utilizzo del mezzo video, in particolare in questo caso corrispondente all’uso di televisori.

A partire da quel momento storico è stato un susseguirsi di sperimentazioni ed esposizioni più o meno fortunate che puntavano da un lato all’analisi semiotico concettuale del mezzo espressivo, dall’altro alla denuncia della società schiavizzata dalla “scatola magica” oltre che dalle forme di pubblicità che diventavano progressivamente più insistenti e presenti su ogni prodotto di consumo.

zoccola

L’esposizione è anche l’occasione per analizzare i primi esiti delle attività di preservazione e di studio di questo patrimonio avviato dalle Gallerie d’Arte Moderna e Contemporanea e dal DAMS di Gorizia – Università di Udine.

L’esposizione è stata curata da Cosetta G. Saba, Lisa Parolo, Chiara Vorrasi, in collaborazione con Lola Bonora e Carlo Ansaloni.

Organizzatori Fondazione Ferrara Arte e Gallerie d’Arte Moderna e Contemporanea di Ferrara.

Orari di apertura: 10.00 – 18.00, chiuso il lunedì

Informazioni tel. (+39)0532 244949 | diamanti@comune.fe.it

www.palazzodiamanti.it

Un pensiero su “FERRARA – Videoarte a Palazzo dei Diamanti. 1973-1979

Rispondi