MANTOVA – INTERESSANTI NOZIONI RICEVUTE DAL PANIFICATORE MASSIMO GRAZIOLI

Graziolidi G. Baratti

Per il ciclo Le Radici dell’Alimentazione – I Pomeriggi al Museo, l’incontro che si è tenuto martedì 13 ottobre ha regalato un evento a dir poco “scoppiettante”. Dopo una breve introduzione di Gilberto Venturini, coordinatore e presidente della Condotta Slow Food Mantova, sul tema dell’incontro – il mestiere del panettiere – e di aver presentato al numeroso pubblico l’ospite d’onore, Massimo Grazioli, panificatore mantovano residente da molti anni a Legnano si è entrati nel vivo del tema della giornata.

Grazioli10Grazioli11

Massimo Grazioli è partito in quarta parlando del suo lavoro, delle infinite quantità di pane che produce, dei tipi di farine rigorosamente biologiche e macinate a pietra che utilizza, degli altri ingredienti selezionati che usa, dei problemi dell’impasto, della lievitazione, della maturazione, insomma delle varie fasi che portano agli straordinari prodotti del suo forno. Una raffica di informazioni, consigli, suggerimenti e di risposte alla pioggia di domande rivoltagli dai presenti.

Grazioli6

Massimo Grazioli si è letteralmente scagliato contro l’uso sistematico che panificatori senza scrupoli fanno di materia prime di scarsa qualità, provenienti dall’estero, e di additivi utilizzati per accelerare i tempi del processo. Il tempo infatti è stata la variabile sulla quale Grazioli si è soffermato di più: il tempo per contattare gli agricoltori che gli forniscono il grano, il tempo per visitare il mulino con macine di pietra che da anni lo serve, il tempo dell’impasto, della maturazione, della cottura.

Grazioli1

Qualità degli ingredienti, tempo giusto e amore per il proprio lavoro garantiscono un pane che “migliora invecchiando “, proprio come quello dei nostri nonni.

Grazioli5

Insomma una narrazione vitalistica ed efficace, resa ancora più coinvolgente dagli assaggi di alcuni fantastici tipi di pane prodotti nel suo forno. Al termine, palpabile la soddisfazione e lusinghieri i commenti del folto pubblico.

Grazioli4

Durante l’incontro gli studenti della classe 4F del Liceo Artistico G. Romano di Mantova, Indirizzo Audiovisivo e Multimediale, hanno effettuato riprese video e scattato foto per elaborare successivamente un video tematico, avente fini didattici e di comunicazione. Gli studenti sono coordinati dai loro docenti, architetti Paolo Dugoni e Nazzareno Truffelli.

Grazioli7Grazioli3

L’attività si realizza d’intesa con Labter-Crea e in collaborazione con Consorzio Oltrepò MantovanoSoprintendenza Archeologia della Lombardia, Camera di Commercio, Comune di Mantova, Provincia di Mantova, Parco del Mincio, Gruppo TEA ed altre numerosi enti pubblici, agenzie  e aziende private.

Rispondi