REGGIOLO – COMINCIA LA RICOSTRUZIONE DELL’EDIFICIO 32

 

Il sindaco Angeli : “Sarà uno spazio dedicato al sociale e al volontariato”

Via ai lavori per il recupero dell’Edificio 32, la vecchia sede degli ambulatori dei medici di base e di alcuni uffici del Comune di Reggiolo. Gli interventi sono cominciati ieri mattina e proseguiranno per circa un anno e mezzo. La conclusione dell’opera è infatti prevista tra 480 giorni.

L’importo totale dei lavori è di circa 4 milioni di euro diviso in due stralci funzionali per permettere una migliore esecuzione dell’opera. I lavori del primo stralcio appena avviato hanno un importo di circa 2 milioni e 130mila euro finanziati in buona parte dalla Regione Emilia Romagna e da alcune donazioni di privati e associazioni. Mentre il secondo stralcio, che partirà tra qualche settimana, sarà coperto dal finanziamento regionale oltre che dal contributo arrivato dal concertone “Italia Loves Emilia”.

La ditta che si è aggiudicata il primo stralcio è la Seli manutenzioni generali Srl di Monza. Il direttore dei lavori è l’ingegner Corrado Castagnoli, mentre del progetto si è occupato lo studio Arx di Reggio Emilia. Una notevole accelerazione al via dei lavori è stato reso possibile grazie al contributo di Conad.

Nel nuovo Edificio 32 troveranno collocazione il centro per disabili “Amelia Sartoretti”, la scuola di musica “Giovanni Rinaldi”, la sala civica polivalente “Giulietta e Federico Fellini”, alcune associazioni di volontariato come l’Università del tempo libero, la Pro loco, la Confraternita della zucca e l’Anpi. Il secondo stralcio dei lavori, che dovrebbe partire entro il mese di giugno, riguarderà la realizzazione di una parte della struttura in acciaio e vetro.

Questa – ha spiegato il sindaco Roberto Angeliè una ristrutturazione che abbiamo fortemente voluto. A lavori ultimati l’Edificio 32 avrà un’importante destinazione sociale, oltre al centro Sartoretti ci saranno spazi destinati alle associazioni, un auditorium per circa 200 persone e una moderna scuola di musica: sarà uno spazio importante della comunità e per la comunità. Voglio ringraziare tutto l’ufficio tecnico comunale che ha coordinato tutta la fase per arrivare all’apertura del cantiere”.

Rispondi