REGGIOLO – LA SCUOLA “De Amicis” INAUGURA L’AULA ALL’APERTO

 

Aula didattica De Amicis.jpgLo spirito ecologico va a braccetto con l’educazione. Lo dimostra il progetto che lega il Centro del riuso di Reggiolo alla scuola primaria “De Amicis”. Domani, sabato 22 ottobre alle ore 11.30, al parco della scuola primaria “De Amicis” di Reggiolo, sarà infatti inaugurata un’aula didattica all’aperto realizzata grazie ai fondi raccolti dal Centro del riuso, aperto circa un anno fa nell’area dell’isola ecologica di via Respighi. L’attività di raccolta di vestiti, libri e oggettistica varia in buono stato, resa possibile grazie all’impegno dei volontari Auser, ha dato i suoi frutti. Non solo rimettendo in circolo otto tonnellate circa di materiale destinato alla discarica, ma raccogliendo risorse. Nell’arco di circa un anno, dal maggio 2015 all’aprile 2016, il Centro del riuso ha percepito 3mila euro di offerte che l’Auser ha destinato all’istituto comprensivo per le attività didattiche e l’acquisto attrezzature.

Al taglio del nastro saranno presenti il sindaco di Reggiolo Roberto Angeli, l’assessore alla Scuola Sonia Cagnolati, la dirigente scolastica dell’Istituto comprensivo Agnese Vezzani e i rappresentanti di Auser e Coop Alleanza 3.0. Non mancheranno poi le iniziative per i bambini con scambio di giochi destinati al riuso a cura di Plurima e “Intrecci sonori”, un laboratorio creativo con materiali naturali.

Questa – spiega l’assessore Cagnolati – è una tappa importante di un percorso educativo dedicato all’ambiente e all’ecologia avviato a scuola lo scorso anno scolastico. I bambini lavoreranno sul tema del giardino e il prossimo 21 novembre, in occasione della Giornata dell’albero, saranno piantumate alcune piante che formeranno una siepe. I bambini hanno deciso insieme di adottarle e si sono presi l’impegno di innaffiarle durante l’anno scolastico. Grazie alla nuova aula all’aperto sarà possibile portare avanti, in modo nuovo e più coinvolgente, il progetto di educazione ambientale che vede impegnati insegnanti ed educatori”.

Dopo il terremoto del maggio 2012, nel giardino della scuola era stata collocato il container che accoglieva la mensa. Oggi questo spazio è stato recuperato restituendo ai bambini un’area verde per le attività didattiche e ricreative.

Rispondi