MANTOVA – ALL’ATELIER DES ARTS IL TERREMOTO DEL CENTRO ITALIA NON SI DIMENTICA

Di Paolo Biondo

L’Atelier Des Arts di via della Mainolda 19 a Mantova diventa sempre più il principale punto di riferimento di un progetto di solidarietà sociale e umano. Solidarietà, infatti, per gli artisti e i cultori delle tradizioni popolari mantovani fa rima anche con la volontà di donare alcune delle proprie opere a coloro che hanno perso tutto come ad esempio, le comunità del centro Italia che sono state colpite dal terremoto.

Il gesto di donare un quadro, una scultura, un libro, una serie di poesie e altro ancora, per quanto semplice nel suo esprimersi assume un valore enorme in quanto questi elementi possono contribuire a ridurre i disagi e le sofferenze patite in questi mesi tra coloro che oggi sono chiamati a vivere, privi di tutto, una quotidianità assai impegnativa.

Il progetto ha preso forma da un’idea proposta dal cantastorie, poeta e autore di Motteggiana, Wainer Mazza che ha trovato immediaatmente il pieno sostegno nel fotografo virgiliano Gianni Bellesia.

Insieme hanno creato varie iniziative per sensibilizzare il mondo dell’arte e della cultura mantovana a dar corpo al progetto. La risposta non si è fatta attendere e per questo si sono intensificati gli appuntamenti.

Due di questi eventi si sono tenuti all’Atelier Des Arts dell’artista e gallerista Kiara Rossato che come i due promotori ha condiviso lo spirito del progetto.

Sabato 25 febbraio 2017, ad esempio si è svolto un momento di promozione dell’iniziativa al quale hanno preso parte anche alcuni esponenti del cenacolo dialettale mantovano “Al Fogoler” a partire dal presidente Sergio Aldrighi. In tale contesto oltre a sottolineare l’importanza del gesto si è proposto un simpatico siparietto con l’esecuzione di alcuni brani storici del panorama musicale dialettale mantovano e la lettura di poesie sempre in vernacolo.

Annunci

Rispondi