SAN BENEDETTO PO – MOSTRA DEL MAESTRO ALFONSO BORGHI “SULLE ALI DELLO SPIRITO”: L’antico dialoga con il contemporaneo

Borghi.jpg

VENERDÌ 17 MARZO alle 17,30 nella Biblioteca del Monastero Polironiano di San Benedetto Po si inaugura la mostra “SULLE ALI DELLO SPIRITO  L’antico dialoga con il contemporaneo”, che sarà ospitata nel Refettorio Monastico dal 18 marzo al 4 giugno 2017. Tale evento prevede il confronto tra diversi tipi di linguaggio artistico giustapponendo in dialogo opere d’arte medievale e moderna con le opere contemporanee del maestro Alfonso Borghi. La sezione d’arte medievale e moderna sarà curata dal prof. Paolo Bertelli, mentre la sezione d’arte contemporanea sarà curata dal prof. Giammarco Puntelli.

In mostra oltre trenta opere del maestro dell’informale italiano, con opere recenti e vari inediti frutto di oltre cinquant’anni di ricerca artistica.

Alfonso Borghi – spiega il professor Puntelli – è uno dei pochi maestri la cui ricerca e identità culturale gode di grande considerazione a livello internazionale, dall’Europa agli Stati Uniti; nella mostra che abbiamo pensato per San Benedetto Po ritroviamo il grande artista che, con una prospettiva interculturale, rilegge emozioni ed espressioni artistiche, attraverso materie e colore, regalando al pubblico, una vera esperienza per comprendere, fino in fondo, il senso vero dell’arte”.

I dipinti  del maestro Borghi  andranno a dialogare con le opere della sezione medievale e moderna qui elencate:

  • Girolamo dai Libri Antifonario feriale S1 (ms.)
  • Paris Bordon Cristo luce del mondo (metà XVI sec.)
  • Antonio Begarelli Madonna col Bambino (metà XVI sec.)
  • Giuseppe Turchi La consacrazione di San Nicola vescovo di Mira (1792)

Wiligelmo Rilievo con i mesi di novembre e di dicembre (XII sec.)

Fermo Ghisoni  Madonna col Bambino tra i Santi Ambrogio e Benedetto (metà XVI sec.)

Guido Reni San Pietro penitente (seconda metà XVII sec.)

Dopo l’inaugurazione, alle 18.00 visita alla mostra allestita al Refettorio Monastico e alle 19.00 visita alla seconda sezione con  rinfresco e saluti alla Galleria Zanini ArteVia Virgilio 7.

La mostra è promossa dal Comune di San Benedetto Po (Mn); dal Club “I Borghi più belli d’Italia”; dalla Diocesi di Mantova; dalla Parrocchia di San Benedetto abate in San Benedetto Po (Mn); dall’Associazione Amici della Basilica onlus; dall’Associazione culturale “Amici del Museo” di San Benedetto Po (Mn); dalla Galleria  Zanini Arte.
La sua realizzazione rappresenta un esempio di collaborazione fra enti ed istituzioni, associazioni di volontariato e privati intorno ad un progetto di promozione e valorizzazione del patrimonio culturale, artistico e religioso del patrimonio della grande abbazia del Polirone, che si apre e si confronta con l’arte e la spiritualità contemporanea.

L’esposizione sarà accompagnata dal catalogo curato da Giammarco Puntelli, con i contributi critici di Giovanni Faccenda, Gianfranco Ferlisi e Massimo Mussini, i contributi fotografici di Carlo Perin. Claudio Veneri, Franco Davoli, pubblicato Editoriale Giorgio Mondadori, sarà presentato nella Biblioteca Monastica Polironiana dallo stesso Puntelli sabato 8 aprile alle 17,30.

foto-borghi.jpg

ALFONSO BORGHI. Nato nel 1944 nella cittadina di Campegine di Reggio Emilia, Alfonso Borghi si avvicina alla pittura  a soli 18 anni, ha la possibilità di esporre le sue opere per la prima volta, grazie all’interressamento di un collezionista Parte per un breve viaggio a Parigi. Da questo soggiorno consegue una ricerca appassionata, che virerà verso l’Espressionismo dopo il suo ritorno in Italia, grazie anche al fortunato incontro con George Pielmann, allievo di Kokoschka. Il suo essere espressionista viene sottolineato da un atteggiamento originale, in cui l’approccio con la tela è scevro da costrizioni ideologiche. Futurismo, Surrealismo, Figurativismo morandiano, sono solo le fondamenta di una poetica artistica che combina esperienza e ricerca in opere originali, distanti dalle imposizioni formali di una certa pittura. Borghi utilizza il colore come baricentro della sua esperienza artistica. La materia completa poi l’opera. Crea così un equilibrio solido, uno Yin e yang di luci e ombre di materia e di spirito, in cui diversi elementi si inseguono per fondersi in una concordanza cromatica sempre originale. Le sue opere, viaggiano nelle principali città europee e statunitensi.

Sono gli anni ’70: Barcellona, Berlino, Madrid, Vienna, Parigi, NewYork, Los Angeles, Francoforte.A partire dagli anni ’80  un susseguirsi di mostre e di eventi importanti costellano l’attività artistica del maestro. Non solo pittura però. Si dedica anche all’arte plastica, dando un senso tridimensionale a quelle opere che già vivono su tela. Lavora il vetro, la ceramica, ma si dedica anche alla scultura. Nel 2005 il Palazzo di Giustizia di Milano gli commissiona tre opere che vanno ad affiancare una quadreria prestigiosa, insieme a De Chirico, Carrà, Sironi. Nel 2010 è presente a Milano alla Galleria San Carlo, con la mostra La caduta degli angeli ribelli. Nel 2011 la sua terra natia, a cui il maestro è legato sentimentalmente e artisticamente, gli dedica una serie di mostre a Correggio,Guastalla, Parma, Reggio Emilia non prima però di aver presentato a San Francisco la mostra Recent Works. Il 2011 si conclude con la sua partecipazione alla 54°Esposizione Internazionale d’Arte della Biennale di Venezia.

Nel 2012 ancora due appuntamenti importanti: a Torino con la mostra Quadri_cromia di bianco e materia e a Beirut in Libano presso la Galleria Les plumes. A maggio del 2013 Palazzo Carandini di Modena ospita la mostra intitolata Suite Modena. L’estate 2013 si apre con una grande esposizione a Pechino nello spazio 751 D Park Events. A settembre nel prestigioso Chiostro del Bramante a Roma la mostra L’avvento della materia. Nel 2014 tre appuntamenti importanti: a giugno al Museoteatro della Commenda di Prè a Genova, con la mostra  Alchimie della realtà, stessa mostra si tiene in agosto a Palazzo Medici Riccardi a Firenze, a novembre al Centro Espositivo Rocca Paolina, di Perugia si inaugura Sonorità materiche.

Il primo appuntamento del 2015 è a Milano a Palazzo Giuriconsulti, successivamente a San Benedetto Po alla Galleria ZaniniArte Materia ritmo musica e in ottobre a Milano alla Galleria San Carlo, con una personale La pittura sublime alimento dell’anima. A dicembre Casa del Mantegna a Mantova, Opere da copertina. 2016 Casa del Mantegna Mantova, personale L’Olimpo della materia. In aprile il Museo Lamborghini, Sant’Agata Bolognese, celebra i 50 anni della Miura con la mostra Velocità e colore, a settembre al Castello Scaligero di Malcesine, personale  I quattro quartetti.

Grazie a una lunga attività espositiva e a una costante sperimentazione artistica, Borghi ha saputo coniugare sapientemente l’importanza per la terra d’origine con le esperienze internazionali.

Oggi le sue opere trovano spazio in collezioni pubbliche e private e in musei italiani e europei.

Orari di visita: da martedì a domenica dalle 9,30 alle 12,30 e dalle 15 alle 18.

Info.: ZANINI ARTE – Via Virgilio 7 San Benedetto Po MN tel.360952089 info@zaniniarte.com  www.zaniniarte.com

IAT – P.zza Matilde di Canossa tel. 0376623036 iat@oltrepomantovano.eu

AMICI DELLA BASILICA – P.zza T. Folengo tel. 0376 614599 info@amicidellabasilica.it
www.amicidellabasilica.it

Annunci

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.