MANTOVA – CineChildren: giovedì 30 marzo lezione di Alberto Scando su «Il ‘ricatto affettivo’ nell’utilizzo dei bambini attori»

cinechildren mantova

alberto scandola

CineChildren non è solo la vetrina per le opere d’arte che parlano dei giovani , ma anche approfondimento culturale sul settore. In particolare, giovedì 30 marzo, alle ore 9.45 nell’auditorium Campiani, si parlerà di etica e estetica degli attori bambini con il professor Alberto Scandola dell’Università di Verona che porterà al Festival internazionale le sue analisi su “Il cinema e l’infanzia”. «Da Chaplin ai giorni nostri, l’industria cinematografica ha sempre usato i bambini – avverte Scandola -, ma è sempre stato fatto con una sorta di ‘ricatto affettivo’.I bambini muovono nello spettatore le corde emotive, ma non c’è mai nessun rispetto per i tempi dell’infanzia e per il rapporto che possono avere con la macchina da presa. Vengono usati come dei piccoli adulti, in pratica vengono ‘sfruttati’ per far leva sulla tenerezza».

 

il monello.jpg

Una costante che si riscontra ne “Il monello” di Charlie Chaplin, fino alle interpretazioni dell’enfant prodige Shirley Temple e al neorealismo italiano.  Il professore analizzerà anche “Protagonisti per sempre” il film di Mimmo Verdesca che l’anno scorso ha vinto il primo premio Assoluto di CineChildren.

Il quarto dei workshop pomeridiani (liceo Isabella d’Este, ore 14,30) intitolati “La musica per l’immagine” entra nella sua parte più tecnica della colonna sonora con il sound engineer Roberto Maccagno, che ha vinto 6 Grammy Awards come tecnico del suono degli artisti latini Alejandro Sanz e Rosario Flores, ma che ha anche arrangiato brani di Celine Dion, Zucchero e Simple Minds. Il suo incontro tratterà dei sistemi di registrazione analogici e digitali ma anche dei trucchi per le tecniche per microfonare la voce e i rumori esterni.

Proseguono, inoltre, anche nella quarta giornata di CineChildren le attività degli studenti come giurati. La mattina, in 10 istituti di Mantova e provincia, si tengono le sessioni del “Giudice in classe”, con i ragazzi che votano gli 11 film finalisti realizzati dalle scuole di tutta Italia.

Come sempre, chiusura di giornata con le proiezioni, alle 20.30 nell’auditorium del Conservatorio Campiani, di undici dei 46 film finalisti.

Ecco i titoli in programma. Tre i Corti di animazione: In exile, di Alexander Kurilov – Moldavia; Ami, di Gonzalo San Vicente – Germania; Awesome beetle’s colors, di Idra Sproge – Lettonia. Due film realizzati dalle scuole: Creative cinemusic, di Daniela Fune – Ostiglia; Friendzone, bloccati in un’amicizia, di L.Costanzo/V.Rosati/C.Ciraolo – Milano. Un Corto documentario: L’avventura del pensiero, di Noemi Pulvirenti – Italia. Cinque i Corti di finzione: This is…ca, di Riccardo Uras/Francesco Pupillo – Italia; Gamers, di Rodrigo Canet – Spagna; La Fuitina, di Andrea Simonetti – Italia; Maria, di Francesco Afro De Falco – Italia; Runaway, di Noemi Schneider – USA/Svizzera.

Tutte le sessioni del Festival sono a ingresso libero.

Il programma dettagliato su: www.cinechildren.it.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.