SOLFERINO – MOSTRA PERSONALE ANTOLOGICA DELL’ARTISTA LUIGI LONARDI

Desideri di infinito

Se mi si chiede come si può definire la mia pittura, posso solo dire con certezza: Io cerco, Io trovo, Io creo.

…………………..                         [Luigi Lonardi]

mostra-di-Luigi-Lonardi.jpg

Si inaugura Venerdì 2 giugno alle 11, a Solferino nella Torre Civica, la mostra antologica dell’artista Luigi Lonardi dal titolo “Io cerco, trovo e creo” e rimarrà aperta al pubblico fino alle 19; mentre l’esposizione, sarà visitabile il sabato e la domenica fino all’11 giugno 2017.  

Luigi si presenta

Certo è difficile per un pittore suscitare, con le parole, l’effetto emotivo che produce una immagine visiva, ricca di colore. Metto mano alla penna con fatica e cerco di usarla come un pennello, con l’intento di passare e ripassare sulle espressioni, fino a quando la “sfumatura” produce l’effetto sperato, il tempo è tiranno e impone delle sospensioni non volute.
Quando l’immagine sfugge dalla fissità statica, per effetto di una illusione che costringe l’osservatore a seguire un percorso spaziale e coinvolgente, perché un turbine trasla il pensiero nello spazio immaginario della sua personale creatività, credo che sia ancora più difficile. Però la seduzione onirica, intrisa di fantastico, conduce la sua mente negli spazi infiniti del mondo spirituale e lì, da uno stato alterato della coscienza è possibile comprendere la “razionalità superiore” ed avere la piena coscienza della prerogativa umana.

Il critico prof. Chang Nam Ting osservando le mie opere definisce il moto avvolgente con queste parole “IL MOTO AVVOLGENTE”: è un segno grafico illusorio, tridimensionale , che spazia nella dimensione profonda. Annulla la superficie piana dell’opera nel suo gesto avvolgente e quando il segno cambia cromia , genera tonalità e varietà coloristiche esplosive, nonostante siano contenute nello spazio assegnato, alla stregua dell’effetto che produce un fuoco pirotecnico quando determina/descrive degli insiemi figurati.
Nelle sue opere ogni cosa è movimento e tutto sembra essere creato o combinato sotto l’effetto di un grande desiderio di scappare via dalla realtà che produce nello spettatore una sensazione come se i colori volessero scappare fuori dai limiti dentro i quali essi sono contenuti e, a volte, questa sensazione diventa un ansioso senso di vitalità. In questo modo noi interpretiamo la maniera di Lonardi di esprimere i suoi sentimenti, comprendendo che egli è capace di creare ritmo e movimento solo mescolando e lasciandoli muovere liberamente dentro gli angusti limiti imposti dalla carta o dalla tela.

Se hai letto fino a qui, sei invitato a visitare la mostra, nella speranza che vi lasciate coinvolgere nelle dinamiche del pensiero creativo che è in ognuno di noi.

mistero della vita.jpg

Orario di apertura: sabato e domenica 10-13 e 16-19.

La mostra gode del patrocinio del Comune e della Pro Loco di Solferino

(G.B.)

(photo opere dal sito dell’artista)

Annunci

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.