MANTOVA – PRONTO A DECOLLARE IL PROGETTO ITS AGRO-ALIMENTARE

progetto its.jpg

È pronto a decollare il progetto dell’Istituto tecnico superiore ad indirizzo agro-alimentare e sostenibile, vale a dire una scuola di alta specializzazione in grado di fornire alle imprese personale con elevate competenze e conoscenze professionali nel settore primario. Una realtà finora assente nella nostra provincia, ma che a partire dal prossimo anno scolastico (2017-2018), se la Regione Lombardia darà il via libera definitivo, potrebbe diventare operativa a tutti gli effetti, e alla quale Confagricoltura Mantova ha fin da subito fornito il proprio appoggio.

Si tratta di un istituto di quinto livello Eqf (European qualifications framework), compreso dunque tra diploma di scuola superiore e laurea triennale, con corso di studi di durata biennale da 1.800 ore, suddivise in quattro semestri con il 40% delle ore svolte in azienda.

Patrizia Graziani, dirigente Ufficio scolastico territoriale di Mantova

Il progetto è stato presentato ufficialmente all’azienda agricola Bigattera: «La partenza di questo Its è un grande risultato per tutto il territorio mantovano – ha detto il provveditore agli studi Patrizia Grazianisi è creata fin da subito una grande sinergia tra tutti i soggetti interessati, per un progetto che rappresenta il punto d’incontro tra la formazione professionale e l’attività nelle aziende».

Il nodo come detto è rappresentato dall’ultimo placet che deve arrivare dalla Regione Lombardia. Per dare vita a un Its infatti è stata necessaria la creazione di una fondazione (con a capo il vicepresidente della Camera di Commercio Fabio Paloschi), che in questo caso raggruppa venticinque soci, vale a dire associazione allevatori, Camera di commercio, comune di Gonzaga, collegio degli agrotecnici, collegio dei periti agrari, Confagricoltura Mantova, Confcooperative Mantova, Cia Mantova, Confindustria Mantova, Consorzio Grana Padano, Consorzio Parmigiano Reggiano, cooperativa San Lorenzo, Enaip, facoltà di agraria Università Cattolica, Coldiretti Mantova, fondazione Sapiens, For.ma, Ifoa, Irecoop Lombardia, Istituto Strozzi, ordine dei veterinari, ordine dei dottori agronomi, provincia di Mantova, rete Carpaneta e comune di Mantova.

Il 29 maggio è stato aperto il bando regionale per accedere ai finanziamenti necessari per la partenza dell’Its (con scadenza al 26 giugno, contributo da 280mila euro).

L’ultimo ostacolo per il via definitivo al progetto è quello: «Mantova – ha detto l’assessore regionale all’agricoltura Gianni Favanon disponeva di un Its, ci sono altri territori molto più dinamici del nostro, ma abbiamo accelerato i tempi e saremo pronti a partire già dall’annata scolastica 2017-2018. Il progetto mi sta molto a cuore, è una scommessa che abbiamo giocato tutti insieme, e che vogliamo vincere».

Il consigliere delegato all’istruzione della provincia di Mantova Francesca Zaltieri ha parlato di «giornata storica per la nascita di un elemento di grande innovazione per Mantova» mentre il vicesindaco Giovanni Buvoli si è detto «estremamente soddisfatto che un progetto del genere nasca nell’anno in cui Mantova, assieme a Brescia, Bergamo e Cremona, è stata nominata Regione europea della gastronomia».

«Il settore agro-alimentare è in decisa espansione – ha detto il parlamentare Marco Carra, che ha svolto un importante ruolo di raccordo con il mondo della politica – e sono molto grato a tutti per il lavoro svolto sin qui».

PROGETTO ITS AGRO-ALIMENTARE.jpg

L’Its ad indirizzo agro-alimentare e sostenibile formerà tecnici specializzati in produzione e trasformazione agraria, agro-alimentare e agro-industriale, oltre che figure atte al controllo, alla valorizzazione e al marketing di tutti i tipi di produzioni.

I corsi saranno aperti a tutti gli studenti in possesso di diploma di scuola superiore residenti in Lombardia, con età massima di 29 anni.

Il 40% delle ore di lezione dovrà essere svolto sul campo, nelle aziende aderenti, e la frequenza ai corsi darà la possibilità di sostenere l’esame di Stato per diventare perito agrario.

In caso di risposta positiva da parte della Regione Lombardia, le lezioni inizieranno entro la metà di novembre.

Chiunque fosse interessato può contattare il provveditorato alla mail usp.mn@istruzione.it o al numero 0376/227207.

 

Annunci

Rispondi