MOGLIA – L’ECOMUSEO DELLE BONIFICHE OSPITA UNA RETROSPETTIVA DI POMPEO COPPINI

POMPEO COPPINI.jpg

All’Ecomuseo delle Bonifiche di Moglia (piazza della Libertà), rimarrà aperta al pubblico fino al 26 novembre 2017,  la mostra dedicata all’artista mogliese POMPEO COPPINI – Vita e opere (1870 – 1957) a cura di Ferdinando Capisani. La rassegna consiste nell’esposizione dell’opera del Coppini vista attraverso una ricca documentazione fotografica dei più significativi lavori monumentali realizzati in America su commissione nelle prime decadi del novecento.

Inoltre, in esposizione vi sono una serie di articoli giornalistici originali con recensioni  e interviste apparse sui maggiori quotidiani e riviste specializzate americane e italiane dell’epoca che vanno ad arricchire la conoscenza del maestro.

Tutto il materiale è stato messo a disposizione nel 1997  in occasione delle celebrazioni a Moglia nel 40esimo anniversario della morte di Pompeo Coppini, dal nipote Leandrino Raffa con il quale l’artista ha sempre tenuto una costante corrispondenza.

La mostra viene riproposta quest’anno, nel 60° della morte, grazie all’impegno della Pro Loco P. Coppini (che prende proprio il nome in suo ricordo),  per gentile concessione da parte dell’amministrazione comunale di Moglia, depositaria e conservatrice dell’intera  raccolta donata con ammirevole sensibilità nel 1997 dal nipote dell’artista.

PompeoCoppini.jpg

Pompeo Coppini, nasce a Moglia nel 1870, due anni dopo si trasferisce in fuga dall’alluvione con i genitori a Firenze dove rimane fino al 1896 anno della sua partenza per l’America. Nella città toscana si diploma all’accademia di Belle Arti, e si forma a contatto con le opere dei più famosi artisti rinascimentali. L’arrivo in America a New York, i primi tempi non sono stati facili, a bottega presso alcuni scultori per una formazione più  legata alle regole dei concorsi e gare per l’appalto delle opere, al comportamento socio politico, che per una vera formazione espressiva di cui già era in possesso,  fino ad arrivare ad avere un proprio studio con proprie committenze.

Per chi fosse maggiormente interessato a conoscere la vita dell’artista Pompeo Coppini, è presente in mostra un catalogo antologico curato da Ferdinando Capisani che ripercorre attraverso le immagini delle sue opere, oltre a note e commenti anche autobiografici tutta la sua vita e la sua opera di scultore.

pompeo coppini autobiografia.jpg

Sempre in mostra è a disposizione la pubblicazione della sua  autobiografia  “dall’alba al tramonto” edita negli Stati Uniti nel 1949 e tradotta in italiano nel 1997 a cura di A. Cappellari e L. Ferrari.

Qui sotto alcune opere realizzate dall’artista

Annunci

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.