MANTOVA – DECRETO SICUREZA E IMMIGRATI: INCONTRO ALLA SALA DEGLI STEMMI IL 18 GENNAIO

DERIVE FORZATE.jpgFari puntati sul decreto sicurezza e immigrati venerdì 18 gennaio alle 16 nella Sala degli Stemmi di Palazzo Soardi a Mantova (via Frattini 60).

Il convegno servirà per capire l’effetto sull’accoglienza dopo l’entrata in vigore, il 27 novembre scorso, del decreto. Arci Mantova, nell’ambito del progetto Sprar “Enea” di Mantova, e col patrocinio del Comune di Mantova, organizza l’evento che è gratuito e indirizzato ad operatori, amministratori e cittadini che vogliano approfondire la normativa. Ad aprire i lavori sarà l’assessore al Welfare del Comune di Mantova e presidente del Consorzio Progetto Solidarietà Andrea Caprini.

Il Consorzio è l’ente capofila del progetto Sprar di Mantova, a cui aderiscono, oltre al Comune capoluogo, anche i Comune di Curtatone, San Giorgio, Medole, Guidizzolo, Asola, Castel Goffredo e Castiglione delle Stiviere per un totale di 57 posti.

Quali sono i cambiamenti introdotti dal decreto sull’accoglienza dei migranti, quali le novità riguardanti le tutele del diritto d’asilo?

Come saranno i rapporti tra comunità e servizi d’accoglienza?

Risponderanno a queste e ad altre domande Filippo Miraglia, coordinatore dell’area politiche per l’immigrazione di Arci nazionale, Daniela Di Capua, direttrice del Servizio Centrale di coordinamento del Sistema Sprar e Virginio Brivio, sindaco di Lecco e Presidente di Anci Lombardia. Brivio è uno dei sindaci che ha deciso di “sospendere” o non applicare in toto il decreto Salvini.

Il Comune di Mantova, lo scorso novembre, ha approvato in consiglio comunale una mozione per chiedere al Governo di modificare il decreto, che rischia di avere pesanti ricadute sul welfare degli enti locali.

Annunci

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.