MANTOVA – INCONTRI ALLA CASA DEL MANTEGNA ORGANIZZATI DALL’ISTITUTO MANTOVANO DI STORIA CONTEMPORANEA

il gerarca aviatoreL’Istituto mantovano di storia contemporanea organizza tre iniziative, presso la sala conferenze della Casa del Mantegna (via Acerbi, 47). Storia Minima dell’Europa è il primo appuntamento che si terrà lunedì 11 febbraio alle ore 17:00 Si tratta dell’ultima lezione-incontro del corso Pensare l’Europa oggi, tenuta dal professor Zannini dell’Università di Udine

Venerdì 15 febbraio 2019 alle ore 17,30 Il gerarca aviatore. Aristide Sarti (1917-1945). Entusiasmi e delusioni di un giovane fascista di Enzo Cartapati.Nelle profondità del vecchio laghetto di Corte Baronina, nei pressi di Goito, giacciono ancora i resti di Aristide Sarti e del suo Messerschmitt, abbattuto il 2 aprile 1945 dall’aviazione alleata. Un monumento ricorda ancora quella presenza, nascosta tra i canneti e il traffico di una strada provinciale…

Si tratta della biografia di un giovane fascista poco ortodosso, abbattuto col suo Messerschmitt il 2 aprile 1945 e precipitato nel vecchio laghetto della corte Baronina presso Goito, ove l’aereo ancora giace.

Con l’autore intervengono Marco Cuzzi dell’Università degli Studi di Milano, Renato Zavattini dell’IMSC, Nicola Sometti editore del volume.

MANTOVANI NEI CAMPI DI PRIGIONIA.jpg

Sabato 16 febbraio alle ore 17.00 Mantovani nei campi di prigionia della Seconda guerra mondiale

Nell’ambito del Giorno della Memoria 2019 viene presentato il volume di Carlo Benfatti , pubblicato dall’IMSC presso l’editore Sometti.

Secondo le stime più recenti, nella Seconda guerra mondiale circa 1.300.000 militari italiani furono catturati sui vari fronti e inviati nei luoghi di raccolta di mezzo mondo. Molti soldati mantovani non sfuggirono a questa sorte finendo nei campi di concentramento della Germania e delle Nazioni Unite. Molti ricercatori hanno contattato i reduci per interrogarli sulla loro vita da coscritti nei reggimenti delle tre armi e sull’eventuale prigionia subìta. Nel presente lavoro ci si è soffermati piuttosto sui mesi, spesso anni, della loro detenzione nei lager del Terzo Reich o in quelli delle potenze alleate e dell’Urss. Ci si è sempre trovati di fronte a una prigionia terribile in fatto di umiliazioni morali, privazioni fisiche e altrettante punizioni corporali, tutte aggravate dalla lontananza dagli affetti familiari.

Nel volume sono raccolte ventuno testimonianze riguardanti la vita di prigionieri dell′una o dell′altra parte, nella maggioranza trascritte da registrazioni sonore raccolte da Carlo Benfatti a partire dagli anni 1980.

Con l’autore interverranno Carlo Saletti, direttore scientifico dell’IMSC, insieme con la Presidente Daniela Ferrari e lo storico Frediano Sessi.

(GB)

Annunci

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.