MANTOVA – LaGalleria Arte Contemporanea di Palazzo Ducale ospita la mostra CESARE LAZZARINI E IL TESTO 

Il 6 settembre 2019, si inaugura a Mantova una ‘mostra diffusa’ composta da sei mostre in parallelo dedicate a Cesare Lazzarini (1931-2010): DALLA PARTE DEI VINTI, ospitate dalle maggiori istituzioni culturali cittadine a cura di Cristiano Ferrarese e Isabella Lazzarini.

CESARE LAZZARININ AUTORITRATTO.jpgL’iniziativa ripercorre l’opera dell’artista secondo alcuni nuclei tematici: LaGalleria Arte Contemporanea del Complesso Museale Palazzo Ducale di Mantova ospita la parte dedicata al rapporto tra opera artistica e testo letterario, dal titolo “CESARE LAZZARINI E IL TESTO”. Inaugurazione venerdì 6 settembre alle ore 18.00 e rimarrà aperta al pubblico fino a domenica 8 dicembre 2019 con orari di apertura: dal martedì alla domenica 14.30 – 19.30 (da martedì a sabato ingresso libero; domenica e festivi, ingresso con biglietto di Palazzo Ducale).

Con la curatela di Renata Casarin, l’esposizione unisce due istanze: la promozione di un tema in sintonia alla concomitanza con Festivaletteratura e la realizzazione di un tributo all’artista mantovano di cui Palazzo Ducale custodisce – per volere della famiglia – numerose opere pittoriche, scultoree e grafiche. Il rapporto fra Cesare Lazzarini e il testo letterario, la personalissima interpretazione dei classici – Sofocle, Dante, Shakespeare – così come i legami dell’artista con l’avanguardia poetica sperimentale del Gruppo 63 sono al centro della mostra, che si innesta nel contesto di esposizioni diffuse dedicate a Lazzarini attraverso tutta la città. Efficacia di segno e di senso dialogano al servizio di una libertà inventiva che scava nelle pieghe del profondo e riporta alla superficie mostri presenti e passati, desideri e paure, saldando storia collettiva e individuale nella fertile opera dell’artista che solo sa congiungere, separare e riannodare i fili del nostro esserci e del nostro essere al mondo.

Cesare Lazzarini

Cesare Leonbruno Lazzarini nasce a Mantova il 10 gennaio 1931. Artista originalissimo e indipendente da scuole e correnti, negli anni Cinquanta si affaccia alla ribalta artistica internazionale grazie alla partecipazione alla XXVIII Biennale di Venezia del 1956. Nel 1967 si diploma in scultura all’Accademia di Belle Arti di Bologna, tornando poi a Mantova, dove si dedica all’insegnamento di discipline storico-artistiche. Lazzarini affianca la propria attività di sculture a quella di disegnatore, di pittore e di orafo, ma anche la poesia e la letteratura sono per lui campi di esercizio e di ricerca artistica. Si spegne nella sua casa di Mantova la notte del 27 dicembre 2010.

Le altre sedi della mostra diffusa

Sacrestia dell’Archivio di Stato
Cesare Lazzarini e la scuola. Una “pedagogia della liberazione”
7-28 settembre 2019

Istituto mantovano di storia contemporanea, Sala delle colonne 
Cesare Lazzarini e il Novecento
7-28 settembre 2019

Museo Diocesano Francesco Gonzaga
Cesare Lazzarini e la passione del Cristo
8-29 settembre 2019

Madonna della Vittoria
Cesare Lazzarini e l’Apocalisse 
13 settembre- 20 ottobre 2019

Accademia Nazionale Virgiliana
Cesare Lazzarini e Virgilio
14 settembre-15 ottobre 2019

 

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.