TUTTO PRONTO PER IL VIA AL CAMPO GIOCHI ESTIVO A REGGIOLO. ISCRIZIONI ONLINE FINO AL 5 GIUGNO

Reggiolo, 29 maggio – Reggiolo è pronto per il campo giochi estivo. Infatti, il Comune, insieme all’Azienda Servizi Bassa Reggiana, ha predisposto il servizio sulla base delle direttive regionali.PARCO GIOCHI

Il campo giochi avrà una nuova location e si svolgerà con modalità diverse rispetto agli anni precedenti. Quest’anno le attività rivolte ai ragazzi si svolgerà all’interno del Parco Salici, sede abituale di feste e manifestazioni che, a causa dell’emergenza Covid-19, non si svolgeranno.

Sarà un campo giochi organizzato in gruppi di 7-10 bambini divisi in base all’età che saranno tenuti a distanza all’interno del parco. Per garantire la sicurezza del campo giochi ogni gruppo sarà coordinato da due educatori. Gli ingressi al campo saranno filtrati tramite un triage gestito dai volontari della Croce Rossa di Reggiolo, che misureranno la temperatura ai ragazzi prima di entrare oltre a sanificare le mani e a dotarli di mascherina. Il tutto sarà coordinato dai pedagogisti ed educatori dell’Azienda Speciale Bassa Reggiana, che in questi mesi ha supportato il Comune per arrivare a definire il servizio.

Le iscrizioni si potranno effettuare esclusivamente on-line. Le domande potranno essere presentate dalle ore 12.00 di venerdì 29 maggio alle ore 12.00 del 5 giugno 2020 sul sito dell’Azienda Speciale Bassa Reggiana.

Il campo giochi sarà attivo dal 15 giugno fino al 31 luglio. Per il mese di agosto è prevista un’altra iniziativa: un campo estivo in inglese gestito dall’associazione Educo, ente accreditato dal MIUR. Sarà un vero e proprio campo giochi con madrelingua inglesi, organizzato negli stessi spazi e con le stesse modalità di quello di giugno e luglio.

Roberto Angeli-sindaco di Reggiolo

“In questo modo – ha commentato il sindaco Roberto Angeli – riusciamo a rispondere alle esigenze di molte famiglie messe in grande difficoltà dall’emergenza Covid-19. Possiamo garantire un servizio che si svolgerà in piena sicurezza e organizzato per riuscire a coprire tutto il periodo estivo. In queste settimane è stato fatto un grande lavoro. Volevamo arrivare pronti e con tutte le sicurezze del caso dopo il lockdown. Ci siamo riusciti e questa sarà la prima prova per la gestione di un servizio rivolto ai ragazzi prima della riapertura delle scuole a settembre. Purtroppo non riusciremo ad avere il numero di iscritti degli anni precedenti e dovremo dare priorità alle famiglie con genitori che lavorano, perché più in difficoltà nella gestione dei propri figli”.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.