IL COMUNE RINVIA L’IMU PER CITTADINI E IMPRESE. IL GOVERNO FRENA SUI CAPANNONI: APPELLO DEL COMUNE ALL’ANCI

imu-2019-calcolo-aliquote-scadenza-novita-2020Mantova, 10 giugno – Nell’ambito della odierna giunta, l’Amministrazione aveva deciso di approvare il nuovo regolamento IMU, nel quale si prevedeva, in coerenza con le misure del Piano Mantova, lo spostamento della data ultima di pagamento dell’IMU dal 16 giugno al 16 dicembre, per cittadini e imprese danneggiati dall’emergenza Covid-19.

Tuttavia, a causa di una risoluzione del Mef dell’8 giugno, questa opportunità di rinvio vedrebbe esclusi i capannoni industriali, prevedendo l’impossibilità di rinvio del pagamento per la quota destinata allo Stato, limitando di fatto la misura del differimento alla sola quota comunale.

In sostanza se da parte dell’Amministrazione vi è tutta la disponibilità a spostare in avanti il pagamento della propria quota Imu, garantendo così ulteriore tempo e ossigeno alle aziende per recuperare liquidità, tale disponibilità non sembra esserci da parte del Ministero delle Finanze. Per questa ragione l’Amministrazione ha deciso di sollecitare l’Anci perché si faccia parte attiva nel convincere il Governo a desistere da questa linea, anche attraverso provvedimenti normativi di iniziativa governativa. Infatti molti comuni in Italia hanno ritenuto importante favorire questi slittamenti e tale risoluzione del Governo li mette tutti in difficoltà.giovanni-buvoli

La nostra Amministrazione – ha detto il vicesindaco del Comune di Mantova Giovanni Buvoli – lavora senza sosta per varare misure a favore delle imprese al fine di dare loro la possibilità di recuperare liquidità e per una ripartenza della loro attività. Il Governo a 8 giorni dalla scadenza con questa risoluzione, tardiva e inaspettata, vanifica una parte dei nostri sforzi e genera un ulteriore aggravio di costi sulle imprese, in un momento in cui la ripartenza va sostenuta e non penalizzata. Per questo motivo abbiamo deciso di appellarci ad Anci perché intervenga con vigore sul Governo e farlo desistere da una decisione sbagliata e dannosa. Resta valido naturalmente il rinvio previsto dall’Amministrazione per tutte le altre tipologie di immobili”.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.