FORATTINI: OPERE PRIORITARIE PER IL MANTOVANO LA TANGENZIALE DI GOITO E IL RADDOPPIO DELLA MANTOVA-CODOGNO

Antonella Forattini

Milano, 8 luglio – Bene le opere di Italia veloce, ma per evitare l’isolamento del territorio mantovano, servono anche il raddoppio della linea ferroviaria Mantova-Cremona e la tangenziale di Goito. La consigliera regionale del Pd, Antonella Forattini, commenta così le grandi opere infrastrutturali previste dal decreto semplificazione per il mantovano.

ferrovia mantova codogno.jpg

Il raddoppio ferroviario della Mantova-Cremona- Codogno e la strada Cispadana che collega Reggiolo a Ferrara  sono certamente infrastrutture essenziali per il territorio mantovano, opere  che abbiamo  atteso da anni  e sempre considerato strategiche. Per  colmare l’atavica arretratezza infrastrutturale del territorio ed evitare l’isolamento però sono necessarie  altre due opere: la tangenziale di Goito, che  è parte del Tibre (La Tirreno Brennero), una delle opere considerata prioritaria  dal decreto ma  solo nel suo primo lotto di 9 chilometri,  e l’autostrada regionale Mantova Cremona, peraltro già inserite nel programma di mobilità regionale.

TiBre

 “Chiediamo – conclude Forattini- al Governo, che  ha già mostrato attenzione al territorio mantovano,  di aprire un dialogo con  regione Lombardia per  realizzare queste due opere”.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.