CASTELLI DEL DUCATO 2021: riaperti i primi 32 luoghi d’arte tra Emilia, Lunigiana e Cremona

Novità 2021 abbinate alle visite ai manieri: escursioni ai borghi storici alla scoperta di antiche cantine e luoghi di produzione tipica; i castelli con locande, taverne medievali, enoteche, bistrot, ristoranti e osterie sono già attrezzati anche per pranzi, merende, aperitivi prima di cena e cene all’aperto in giardini, terrazze, spazi porticati oltre ad offrire proposte pic-nic in spazi sicuri. Tornano le visite guidate con i proprietari di rocche e fortezze. Debuttano esperienze immersive nella natura: flower watching, art therapy, forest bathing, yoga nel verde, letture ad alta voce nel parco, welleness spa. www.castellidelducato.it

Hanno riaperto con il primo weekend di maggio i primi 30 luoghi d’arte della rete turistica culturale del circuito Castelli del Ducato: alcune migliaia di persone hanno scelto subito, alla ripartenza in zona gialla, di visitare rocche, fortezze e manieri tra Emilia, parte della Lunigiana e una fetta di cremonese in Lombardia. E sono già in calendario proposte nuove, in sicurezza, per vivere in modo originale l’esperienza all’interno delle roccaforti dal crinale dell’Appennino ai fiumi Trebbia e Po. Soprattutto i castelli con locande, taverne medievali, enoteche, bistrot, ristoranti e hosterie all’interno sono già attrezzati anche per pranzi, merende, aperitivi prima di cena e cene all’aperto in giardini, terrazze, spazi porticati oltre ad offrire proposte pic-nic in spazi sicuri. In tutti i luoghi d’arte del circuito Castelli del Ducato si rispettano le normative DPCM.

Tornano inoltre le visite guidate con i proprietari di rocche e fortezze. Debuttano esperienze immersive nella natura: flower watching, art therapy, forest bathing, yoga nel verde, letture ad alta voce nel parco, welleness spa.

Castelli del Ducato è la rete turistica-culturale interregionale di 35 Castelli, 16 Alloggi tra Antiche Mura dove pernottare, 50 luoghi d’arte (ville, dimore storiche, musei, chiese ed abbazie, un labirinto, una academy, borghi storici, palazzi) a corollario dei manieri, una decina di ristoranti, locande e bistrot dove mangiare nelle roccaforti tra Emilia-Romagna, Lunigiana in Toscana e cremonese in Lombardia.

Dove potete andare, indossando la mascherina, sempre memori della prenotazione obbligatoria nel fine settimana (info@castellidelducato.it) e consigliata infra settimanalmente?

Viaggio nel Medioevo alla Rocca Viscontea di Castell’Arquato (PC) con i musei del borgo medievale che propone escursioni al paese e dintorni alla scoperta di antiche cantine e luoghi di produzione tipica. Qui l’assaggio dei vini del territorio è d’obbligo. Per giorni ed orari di visita, modalità di accesso e prenotazione: info@castellidelducato.it

Si entra nella favola al Castello di Rivalta (PC) con le sue stupende collezioni d’arte e oggetti preziosi antichi nel cuore di un borgo davvero magico dove c’è la possibilità di soste golose, colazioni, merende, aperitivi, pranzi, cene al Bistrot Caffè di Rivalta. Possibilità di pernottare nell’Hotel Torre San Martino per romantici weekend e vacanze in Val Trebbia. Si noleggiano biciclette elettriche e si possono prenotare esperienze benessere nella esclusiva Wellness Spa Rivalta.  Per giorni ed orari di visita, modalità di accesso e prenotazione: info@castellidelducato.it

Tutti sul crinale al Castello Malaspina di Gambaro (Ferriere, PC) dove sono proprio i proprietari della roccaforte a condurre visite guidate a tema storico, ambientale ed escursionistico nei dintorni a scelta tra Alta Val Nure e Val d’Aveto: interessanti sono i racconti degli antichi sentieri di pellegrini, mercanti e briganti, oltre alle vicende di una casata nota tra Emilia e Lunigiana, i Malaspina.  Per giorni ed orari di visita, modalità di accesso e prenotazione: info@castellidelducato.it

Natura, buona tavola e cultura si fondono al Castello di Gropparello (PC) dove oltre a visitare il maniero si offre ai turisti l’opportunità di immergersi nella natura con visite accompagnate alle Gole del Vezzeno che circondano il maniero, percorsi tra natura e storia a tema “Flower Watching” e visite con l’archeologo in cerca di tracce millenarie. E’ aperta inoltre la Taverna Medievale del Castello – tavolini e dehors apparecchiati nel suggestivo giardino segreto – per pranzi, cene, merende golose e si può dormire nella suggestiva Torre del Barbagianni per weekend molto romantici. Al Castello di Gropparello si noleggiano biciclette elettriche per un giro nei dintorni e completare la scoperta della vallata dopo il tour al maniero. Per giorni ed orari di visita, modalità di accesso e prenotazione: info@castellidelducato.it

Camminare e passeggiare su e giù in un incantevole borgo storico, tra le strette viuzze, fa bene alla salute e allo sguardo. Visita al mastio, camminamento di ronda e torre sud al Mastio e Borgo di Vigoleno (PC) dove tutto vi riporta al Medioevo più autentico. Per giorni ed orari di visita, modalità di accesso e prenotazione: info@castellidelducato.it

Arte contemporanea, libri antichi, Guerrieri cinesi di Xi’An sorprendenti in mostra, un parco enorme dove rilassarsi, sale arredate con mobili e suppellettili di pregio: stupisce e piace a tutti il Castello di San Pietro in Cerro (PC) in Val d’Arda con la superlativa collezione del mim–Museum in Motion completamente rinnovato. C’è la possibilità di soggiornare alla Locanda del Re Guerriero, il piccolo caratteristico Art Hotel del Castello immerso nel grande parco. Per giorni ed orari di visita, modalità di accesso e prenotazione: info@castellidelducato.it

In una città d’arte come Piacenza da visitare Palazzo Farnese – Cittadella Viscontea (PC) per le 10 straordinarie collezioni storico artistiche esposte, per il più antico e grande Museo delle Carrozze in Italia custodito all’interno, per la nuova sezione di archeologia romana ricchissima di reperti e proposta in un allestimento da scoprire.  Per giorni ed orari di visita, modalità di accesso e prenotazione: info@castellidelducato.it

Gita fuori porta a Rocca d’Olgisio (PC), tra le valli dei torrenti Tidone e Chiarone sulle colline di Pianello Val Tidone, che a baluardo sta, cinta da ben sei ordini di mura. Svetta il mastio e si ammira un panorama unico dal piccolo loggiato cinquecentesco. Parecchi visitatori hanno confermato come nelle giornate più limpide si possa scorgere in lontananza addirittura il Monte Rosa o i primi grattacieli di Milano.

Si può pernottare nelle suites del Castello. Per giorni ed orari di visita, modalità di accesso e prenotazione: info@castellidelducato.it

Visite guidate con i proprietari al Castello di Paderna (PC): il maniero riapre dal terzo weekend di maggio con prenotazione obbligatoria. Elegante fortilizio con ampia corte agricola, fonde le caratteristiche della residenza padronale a quelle di una azienda agricola biologica, con orto-giardino con antiche varietà, fattoria didattica e sede di importanti manifestazioni legate alla coltivazione della terra, tra cui la grande mostra di florovivaismo e rassegna di fiori, piante e frutti di un tempo, prodotti dell’agricoltura  il primo weekend di ottobre di ogni anno. Per giorni ed orari di visita, modalità di accesso e prenotazione: info@castellidelducato.it

E’ una grande storia di difesa quella che narra il Castello del Piagnaro di Pontremoli (MS) che ospita il Museo delle Statue Stele Lunigianesi che offre per migliorare l’accessibilità ascensori esterni ed interni per visitatori diversamente abili o con difficoltà di deambulazione previa richiesta telefonica. Qui potete ammirare la famosa “Principessa dei Luni” la statua stele di cinquemila anni fa recentemente ritrovata ed esposta. Sempre a Pontremoli, oltre a fare un giro nella parte più antica che vi regala emozioni uniche, è da vedere Villa Dosi Delfini, dimora estiva dei Marchesi Dosi Delfini, spettacolare con i saloni barocchi e l’ampio giardino. Le numerose Statue Stele rinvenute fino ad oggi in Lunigiana, raccolte all’interno del Museo, rappresentano la più importante collezione di scultura preistorica antropomorfa europea. Per giorni ed orari di visita, modalità di accesso e prenotazione: info@castellidelducato.it

Affrescata, arredata, principesca è la Rocca Meli Lupi di Soragna (PR) da visitare per i saloni, le stanze, i salotti di una bellezza indimenticabile. Circondata dal grande giardino con laghetto, statue e alberi centenari, vi entrerà nel cuore. Per giorni ed orari di visita, modalità di accesso e prenotazione: info@castellidelducato.it

Da vedere la Rocca Sanvitale di Sala Baganza (PR) impreziosita dagli affreschi cinquecenteschi di Baglione, Procaccini e Samacchini, tornati agli antichi splendori grazie ai recenti interventi di restauro. Originariamente voluta dalla famiglia Sanvitale, diventa dimora ducale prima della famiglia Farnese poi dei Borbone. Per giorni ed orari di visita, modalità di accesso e prenotazione: info@castellidelducato.it

Splendide le fiorite del giardino del Castello di Montechiarugolo (PR) dove tornano visitabili anche i con camminamenti di ronda con tour dedicato. Si accede alla possente struttura merlata dal ponte levatoio, accolti da splendide sale affrescate, dove leggenda vuole che ancora si aggiri il fantasma della Fata Bema. Per giorni ed orari di visita, modalità di accesso e prenotazione: info@castellidelducato.it

Indimenticabile anche l’affresco del Parmigianino nella Saletta di Diana e Atteone nella Rocca Sanvitale di Fontanellato (PR) dove i bambini restano conquistati dal giardino pensile con la Camera Ottica, affacciata sulla piazza antistante e sul fossato colmo d’acqua sottostante che circonda tutto il maniero. Su prenotazione e per gruppi di famiglie con bambini debutta il laboratorio creativo Art Therapy, pensato come “scaccia paura” ed espressione liberatoria di se stessi in questo periodo di pandemia. Per giorni ed orari di visita, modalità di accesso e prenotazione: info@castellidelducato.it

Spettacolare la Fortezza di Bardi (PR) con il mini Museo della Flora, della Fauna e del Bracconaggio con sezione dedicata alle divise storiche degli Alpini, il Museo della Civiltà Valligiana, il Centro di coordinamento nazionale delle Maschere Italiane e la mostra permanente Novecento: Arte e mestieri dell’Est Europeo – Collezione Ferrarini-Nicoli.

Per giorni ed orari di visita, modalità di accesso e prenotazione: info@castellidelducato.it

Visite guidate storiche in costume d’epoca al Castello di Varano de’ Melegari (PR) dove oltre al giardino ed alla corte, potrete visitare l’antico mastio, alla cui base si trova la famigerata Prigione del Bentivoglio, l’ala quattrocentesca con la Sala delle Armi, i camminamenti di ronda, la terrazza panoramica, le cucine, l’elegante scalone settecentesco, lo studio ed il magnifico Salone d’Onore affrescato. Per giorni ed orari di visita, modalità di accesso e prenotazione: info@castellidelducato.it

La Rocca dei Rossi di San Secondo (PR) prima fortezza medievale, poi sfarzosa residenza rinascimentale, dove dimorarono i Rossi una delle nobili famiglie più celebri del Parmense, si presenta sontuosa per l’apparato decorativo: è famosa per la Sala delle Gesta Rossiane. Suggestivo ed unico al mondo il racconto, in 17 riquadri affrescati, del romanzo di Apuleio “Le Metamorfosi o l’Asino d’Oro”. Per giorni ed orari di visita, modalità di accesso e prenotazione: info@castellidelducato.it

Esperienza dai generosi sapori alla Antica Corte Pallavicina di Polesine Parmense (PR)
dovete si mangia alla Hosteria del Maiale aperta tutti i giorni, no stop, dalle 11 alle 22, con i piatti della tradizione cucinati con le materie prime freschissime e a km zero dell’orto, e le merende golose a base di salumi e formaggi. Per chi cerca la cucina stellata firmata Massimo Spigaroli la trova al ristorante all’inyerno del Castello sul Po. Nel dehor sono accesi i bracieri e sono a disposizione degli ospiti anche morbidi plaid. Chi soggiorna nel relais potrà anche cenare all’interno del ristorante.

Da maggio è aperta un’altra bella novità in casa Spigaroli apre all’aperto Barbuter: nel vicino, storico ristorante di famiglia Al Cavallino Bianco è inaugurato lo spazio all’aperto “Barbuter” con un menu à la carte ispirato ai piatti che venivano consumati negli anni ’60 dai Barbuter (gli uomini del Po che estraevano la sabbia dal letto del fiume).

Rimane aperta dal martedì alla domenica (compresa) l’Agribottega di Polesine Parmense (PR) con la vendita di tutti i nostri prodotti: salumi, ortaggi, frutta, pane, conserve, e tante altre prelibatezze fatte “in casa” Spigaroli. Possibilità di pernottare alla Antica Corte Pallavicina Relais per romantici weekend e vacanze con prenotazione obbligatoria. Per giorni ed orari di visita, modalità di accesso e prenotazione: info@castellidelducato.it

Da vedere sulle magnifiche verdeggianti colline di Salsomaggiore Terme il Castello di Scipione dei Marchesi Pallavicino (PR): è il più antico della Provincia, ancora abitato dalla famiglia. Merlato alla ghibellina e protetto dall’aquila imperiale rientrava nel vasto sistema difensivo approntato dai Pallavicino per il controllo dell’omonimo Stato, feudo diretto del Sacro Romano Impero, e che rimase in vigore per più di 500 anni. Fu strategico nel Medioevo per la sua vicinanza alle preziose saline della zona. Situato in un suggestivo borgo medioevale sulle colline di grande valore paesaggistico tra Parma e Piacenza, vicino a Salsomaggiore Terme, è circondato dal giardino e dal bosco. Il Castello, nei suoi saloni arredati e ricchi di preziose collezioni di famiglia, tra cui l’esposizione permanente della maestosa tavola imbandita “alla russa”, con il servizio dell’Ottocento, conserva importanti soffitti a cassettoni seicenteschi sontuosamente decorati, affreschi rappresentanti scene mitologiche dello stesso periodo e un prezioso soffitto del Quattrocento, unico nel suo genere nella Provincia, che narra le imprese araldiche e familiari dei Pallavicino. L’elegante loggiato seicentesco, con la sua vista d’eccezione sulle colline circostanti, completa la visita. Nel Castello due suites di charme accolgono gli ospiti che desiderano soggiornare in un contesto esclusivo e ricco di storia. Per giorni ed orari di visita, modalità di accesso e prenotazione: info@castellidelducato.it

Grande riapertura anche per il Castello di Tabiano ed il Relais Tabiano Castello (PR) con i loro ampi spazi all’aperto, il centro benessere e il ristorante con terrazza. Ricominciano anche le visite guidate al Castello di Tabiano. Possibilità di soggiornare anche nei magnifici Casali immersi nelle colline parmensi, con piscina, giardino e ampi porticati, per una vacanza lontani dalla frenesia cittadina. Dalle terrazze del castello si ammira un panorama unico che spazia dall’Appennino fino alla catena alpina. Tra le mura hanno vissuto personaggi come Rolando il Magnifico, Solestella, figlia del conte di Bardi e madre di Isabella, rimasta celebre come ‘l’Angelo di Tabiano’, per la sua bontà, la sua bellezza e l’infelice amore per il cavaliere francese Riccardo d’Orange. Il percorso attraversa i luoghi più interessanti del Castello, le antiche cantine a volta con le grandi botti di rovere, i saloni affrescati, la sala da ballo, la sala degli stemmi, la biblioteca di famiglia, la Cappella privata, lo scalone d’onore, le terrazze, i giardini, la ‘Porta rossa’. Per giorni ed orari di visita, modalità di accesso e prenotazione: info@castellidelducato.it

Riaperto anche il Castello di Torrechiara (PR) esempio tra i più importanti di architettura fortificata italiana, di proprietà dello Stato Italiano. Con le sue tre cerchia di mura, le quattro torri angolari, la splendida “Camera d’Oro”, la cui decorazione è attribuita a Benedetto Bembo, negli affreschi del castello rivive la storia d’amore tra Pier Maria e Bianca Pellegrini ed i fasti della casata. Per giorni ed orari di visita, modalità di accesso e prenotazione: info@castellidelducato.it

Esperienza di accoglienza genuina e autentica a Rocca La Valle di Castrignano – Langhirano (PR) dove i proprietari propongono visite guidate, esperienze ed escursioni en plein air. C’è la soggiornare nell’agriturismo restaurato tra natura, paesaggio rurale e attività contadina. Per giorni ed orari di visita, modalità di accesso e prenotazione: info@castellidelducato.it

Rocca Pallavicino di Busseto (Parma): nel cuore della cittadina verdiana per eccellenza conquista lo sguardo con Piazza Verdi, su cui si affacciano antiche botteghe, edifici storici e dove troneggia il monumento in bronzo dedicato al compositore. In piazza spicca la duecentesca Rocca Pallavicino, sede del Municipio e del Teatro, dedicato all’illustre cittadino, inaugurato nel 1868 con la rappresentazione del Rigoletto. Questo scrigno ospita importanti opere e appuntamenti internazionali imperdibili per gli appassionati di musica verdiana. Per giorni ed orari di visita, modalità di accesso e prenotazione: info@castellidelducato.it

Nella Bassa Parmense da vedere il Castello di Roccabianca (PR) fatto costruire da Pier Maria Rossi per l’amata Bianca Pellegrini, da cui il nome del maniero. Celebre per ospitare il Museo della Distilleria nelle antiche cantine e le stanze di stagionatura dei Culatelli, custodisce anche la ricostruzione moderna del quattrocentesco ciclo pittorico della centesima novella del Boccaccio narrata nella Sala di Griselda. Salite infine sul mastio: da qui nelle giornate più limpide si riesce a vedere il Torrazzo di Cremona. Si può degustare aceto balsamico e liquori nel Museo della Disatilleria. Per giorni ed orari di visita, modalità di accesso e prenotazione: info@castellidelducato.it

La Reggia di Colorno (PR) riprende con passeggiate storiche nel Giardino della Reggia di Colorno, luogo di delizie e cultura dei Duchi di Parma. Da metà maggio al via l’attesa mostra ‘Le Porcellane dei Duchi di Parma. Capolavori delle grandi manifatture del ‘700 europeo’: sono esposte preziosissime porcellane che Luisa Elisabetta di Francia e il consorte Filippo di Borbone utilizzavano per i ricevimenti ducali e che oggi sono nelle collezioni di Palazzo del Quirinale, Gallerie degli Uffizi, Musei Reali Torino e altre importanti istituzioni. Per giorni ed orari di visita, modalità di accesso e informazioni: info@castellidelducato.it

Torna visitabile il Castello di Bianello a Quattro Castella (RE) dove all’alto si ammira un paesaggio mozzafiato. Nei giorni di cielo serreno, si possono scorgere anche le Alpi! Qui il Medioevo ha lasciato ancora, perfettamente integrate con la vita moderna e i suoi agi, le vestigia di un passato glorioso ed affascinante. La sua storia si lega strettamente alle vicende della Contessa Matilde che in questa roccaforte ospitò gli imperatori Enrico IV ed Enrico V. L’area boschiva dei quattro colli è oasi naturalistica, gestita da Lipu, è area di elevato interesse paesaggistico e naturalistico. Informazioni: info@castellidelducato.it

ALTRI LUOGHI riaperti al pubblico da visitare nel circuito

Labirinto della Masone di Fontanellato (PR) straordinario parco culturale con il più grande labirinto al mondo di bambù è accessibile dal lunedì alla domenica, tranne il martedì, con ingresso contingentato e orario estivo. Con pianta a stella copre 7 ettari di terreno ed è realizzato interamente con piante di bambù di specie diverse. Ospita anche una preziosissima biblioteca dedicata ai più illustri esempi di tipografia e grafica, tra cui molte opere di Giambattista Bodoni. Informazione: info@castellidelducato.it

Palazzo Ducale di Guastalla (RE) riapre alle visite delle sale del piano nobile, della Quadreria Maldotti e delle mostre temporanee, su prenotazione.

Informazioni: info@castellidelducato.it

Villa Medici del Vascello – San Giovanni in Croce (CR) E’ la straordinaria dimora dove visse la Dama con l’Ermellino, Cecilia Gallerani, ritratta da Leonardo Da Vinci e Contessa di San Giovanni in Croce nel 1492.

Nel rispetto delle disposizioni del DPCM le attività turistiche di Villa Medici del Vascello sono riprese e oltre alle visite guidate sono in carnet i seguenti appuntamenti:

domenica 9 maggio: “Walking art. Passeggiata nel parco tra artisti, opere d’arte ed esperienze artistiche”;
domenica 16 maggio: “Storie a piedi nudi. Lettura ad alta voce nel verde” per bambini da 0 a 5 anni;
domenica 20 maggio: “L’estate si accende. Mattinata yoga nel parco di Villa Medici del Vascello“.

Informazioni: info@castellidelducato.it

Villa Dosi Delfini – Pontremoli (MS) Pensata secondo il gusto dell’epoca barocca per stupire il visitatore con giochi d’acqua e di luce e con numerosi trompe l’oeile sfondamenti prospettici, Villa Dosi è sviluppata attorno ad uno sfarzoso salone centrale a doppio volume dedicato alla rappresentanza e agli eventi mondani ed interamente affrescato, circondato da nove sale anch’esse affrescate e riccamente arredate.

Visite pomeridiane sabato e domenica. Informazioni: info@castellidelducato.it

Villa Caramello (PC) Ai piedi delle verdi colline della Val Tidone, nel cuore dell’Emilia in provincia di Piacenza, sorge Villa Caramello, una elegante struttura con ampio scalone scenografico, la quale risale al XV secolo ma che rappresenta la massima espressione della stagione del Barocco piacentino, tanto da essere oggi al centro di significativi percorsi di visite turistiche guidate da maggio a ottobre.

L’attuale impianto e configurazione risale agli inizi del Settecento grazie al progetto di trasformazione in villa con l’intervento del grande architetto Ferdinando Galli Bibiena.

Villa Caramello di proprietà della nobile famiglia dei Marchesi Paveri Fontana – discendenti diretti della famiglia Sanvitale del ramo di Fontanellato – è circondata da un ampio e bellissimo giardino, ingentilito da una grande peschiera con giochi d’acqua. Informazioni: info@castellidelducato.it

Museo Ebraico di Soragna (PR). Riaperte ogni domenica la Sinagoga ed il Museo Ebraico Fauso Levi di Soragna, straordinari luoghi di testimonianza: si trovano nl centro storico di Soragna, nell’edificio seicentesco che ospita l’artistica Sinagoga del 1855. Il Museo illustra la storia delle Comunità Ebraiche parmensi e piacentine  Informazioni: info@castellidelducato.it

Quali sono altre esperienze da segnare in agenda? Un piatto di polenta con funghi e spezzatino ed un ghiotto menù che cambia di mese in mese – la seconda domenica del mese – in un agriturismo in Appennino dove lo chef, Mario Marini, racconta ai commensali la cucina della sua valle e spiega i nomi delle montagne che si ammirano, maestosi, dalla terrazza de “Il cielo di Strela” fino giù al Castello di Compiano (sempre alle ore 12 del 9 maggio, 13 giugno, 11 luglio, 8 agosto, 12 settembre, 10 ottobre, 14 novembre, 12 dicembre). Prenotazione obbligatoria: info@castellidelducato.it

Tutti al Castello di Rivalta (9 maggio 2021, ore 16) perchè l’Ambasciatore del Territorio è il Conte Orazio Zanardi Landi, Presidente Castelli del Ducato, proprietario del magnifico maniero perla della bellissima Val Trebbia che fa rivivere la Storia del sua nobile ed antichissima dimora ai turisti. Prenotazione obbligatoria: info@castellidelducato.it

Un calice di vino Rosso del Sasso prodotto nelle cantine del Castello di Contignaco sulle colline di Salsomaggiore Terme servito dal proprietario del maniero dopo un tour speciale alle sale e ai misteri della roccaforte, dove aleggia addirittura la leggenda di Dante Alighieri che pare abbia soggiornato qui (2 e 20 giugno). Prenotazione obbligatoria: info@castellidelducato.it

Al Castello di Scipione dei Marchesi Pallavicino sulle verdeggianti colline di Salsomaggiore Terme è il Conte René von Holstein, figlio della Marchesa Maria Luisa Pallavicino, ad aprire personalmente le porte della dimora fondata dai suoi avi per una visita speciale (23 maggio, alle 11h30). Un tour alla scoperta della storia, degli aneddoti, misteri e segreti del millenario Castello e della famiglia che lo fondò fino ad arrivare ai giorni nostri. Al Castello di Scipione si può pernottare. Prenotazione obbligatoria: info@castellidelducato.it

In tutti i luoghi d’arte del circuito Castelli del Ducato si rispettano le normative DPCM

I Castelli del Ducato stanno progressivamente comunicando alla segreteria Castelli del Ducato giorni, modalità e orari di riapertura: aggiornamenti costanti su www.castellidelducato.it
Nel territorio trovate un patrimonio idrico-fluviale-paesaggistico da scoprire. Castelli del Ducato con  Comune di Monchio delle Corti, capofila, e Parchi del Ducato è impegnato, come da Ptpl Dte 2021, su progetti di outdoor e turismo culturale-enogastronomico lungo le vie d’acqua tra borghi, parchi, castelli per la promozione e diffusione dell’ecoturismo, dando un nuovo valore esperienziale ai beni materiali e immateriali che caratterizzano il patrimonio dei territori. Come da Ptpl 2020 continua l’impegno con gli Ambasciatori del Territorio e Fondazione Cariparma nell’ambito di Destinazione Turistica Emilia.

Per informazioni: Associazione Castelli del Ducato di Parma e Piacenza – Club di Prodotto

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.