SVILUPPO SOSTENIBILE, LOMBARDIA IMPEGNATA SU TUTTI I FRONTI: UN LAVORO DI SQUADRA PER ESSERE ASSOLUTI PROTAGONISTI

Seconda giornata dei lavori del 2° Forum regionale per lo sviluppo sostenibile ‘Qui cresce il futuro’ dedicato oggi al tema ‘governance territoriale’. 


Al centro degli approfondimenti di oggi, diverse testimonianze sui temi della rigenerazione urbana, dei progetti culturali e turistici, dei servizi di pubblica utilità e della mobilità.

CULTURA CAPITALE SU CUI INVESTIRE – “Investire nella cultura in Lombardia significa investire sul capitale sociale perché ogni individuo possa crescere moralmente ed eticamente – ha detto l’assessore all’Autonomia e Cultura Stefano Bruno Galli – ma è anche investire in benessere e sviluppo. Sostenibilità dei progetti culturali è oggi più che mai possibilità di offrire al pubblico la fruizione di eventi in grado di organizzarsi e sostenersi autonomamente sotto il profilo economico, sia per la possibilità per il privato di intervenire sia soprattutto per la disponibilità non illimitata delle risorse pubbliche”. 

LOMBARDIA TURISTICA VINCENTE SU MERCATI INTERNAZIONALI – La cultura come fattore di sviluppo è strettamente legata all’offerta turistica e alla promozione del territorio, ambito in cui la Lombardia è protagonista. “Grazie ai nostri bandi – ha detto l’assessore al Turismo, Moda e Marketing territoriale, Lara Magoni – abbiamo promosso sui mercati internazionali le nostre città, i territori attraverso alcune peculiarità locali che hanno dimostrato sostenibilità territoriale e ambientale sotto diversi punti di vista, non ultimo quello della corretta alimentazione. E’ il caso del percorso evidenziato da ‘Chiamami col tuo nome’, un video che ha fatto conoscere attraverso la natura, i giacimenti enogastronomici un percorso magnifico da vivere lentamente. Regione Lombardia con le sue 12 province e gli oltre 1500 comuni é una delle regioni all’avanguardia sotto l’aspetto della sostenibilità”.

CASA, DA PNRR EFFETTO MOLTIPLICATORE – “I progetti che abbiamo avviato – ha ricordato l’assessore alla Casa e Housing sociale Alessandro Mattinzoli – hanno come fattore comune la sostenibilità letta nelle sue molteplici dimensioni. Prima c’erano progetti importantissimi a medio e lungo termine, ma avevano la difficoltà della mancanza di risorse. Adesso c’è il Pnrr che ci viene incontro: le risorse andranno sicuramente alloccate in modo che diano un effetto moltiplicatore ai grandi progetti che vogliamo portare avanti: riqualificazione degli edifici Erp e della rete di illuminazione pubblica, videosorveglianza, Wi-fi diffuso, avvio e sostegno di imprese sociali e infine corsi di formazione per ricollocarsi nel mercato del lavoro. La casa, nel suo insieme è infatti finalmente ritornata al centro dell’agenda politica”. 

RIGENERAZIONE URBANA E’SVILUPPO SOSTENIBILE – Edilizia privata, riqualificazione del patrimonio edilizio vanno necessariamente ad unirsi alle grandi scelte che la Lombardia è chiamata ad adottare in campo urbanistico. “Il tema della rigenerazione urbana e del recupero urbanistico – ha detto l’assessore al Territorio e Urbanistica, Pietro Foroni – è un esempio concreto di come Regione Lombardia ha affrontato il tema della sostenibilità con provvedimenti legislativi adeguati. La dimensione del recupero degli edifici e quella della qualità della vita, con il tema interconnesso della vivibilità come aspetto fondamentale della riqualificazione degli spazi di vita sotto il profilo sociale e ambientale vanno declinate con le peculiarità dei territori, le esigenze degli enti locali, delle comunità montane, e degli Ambiti territoriali ottimali”.

TRASPORTI E MOBILITA’, FUTURO E’ RESPONSABILITA’ – Sostenibilità diventa aspetto fondamentale in tema di trasporti. “Investiamo moltissimo nel trasporto pubblico locale – ha detto l’assessore alle Infrastrutture, Trasporti e Mobilità sostenibile, Claudia Maria Terzi – ed è una responsabilità che ci prendiamo, anche per il futuro. Abbiamo varato un piano da 2 miliardi per svecchiare Trenord e recuperare almeno il 30% di energia elettrica. Abbiamo investito anche nel parco veicolare, negli autobus, e in tutto il trasporto su gomma. Abbiamo licenziato un piano di investimenti da 98,2 milioni di euro per arrivare a oltre il 50% di bus nuovi. Valide alternative al trasporto privato per muoversi con servizi efficienti. Può fare molto il pubblico con la programmazione e gli incentivi, poi i privati devono fare la loro parte. Serve un cambio di mentalità”.

A coordinare i lavori all’auditorium Testori di Palazzo Lombardia, l’assessore regionale all’Ambiente e Clima, Raffaele Cattaneo, che in chiusura dei lavori ha sottolineato come “anche questa seconda giornata, ricca di spunti ed esperienze concrete, abbia presentato approfondimenti importanti. Sono avanzate le iniziative in Lombardia in tema di sostenibilità, dalla rigenerazione urbana alla mobilità, alla transizione energetica verso le fonti rinnovabili. Temi specifici della componente ambientale della sostenibilità ma che hanno permesso di far vedere quanto il percorso verso lo sviluppo contenga una dimensione sociale, economica e sociale che contribuiscono a migliorare la qualità della vita delle persone”.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.