UCRAINA. LA FERRARI DONA 1 MILIONE DI EURO. Pres. BONACCINI: “Grazie alla Ferrari, un gesto di grande significato”

Dalla Casa di Maranello la donazione di un milione di euro. “Dall’Emilia-Romagna una risposta corale che ci spinge a fare tutto il possibile sia per accogliere qui, sia per assistere direttamente in Ucraina i tantissimi alle prese con la loro vita stravolta e sofferenze che auspichiamo possano finire il prima possibile”

“Un gesto di grande significato. Un segnale di solidarietà e vicinanza vera per il quale ringrazio Ferrari, gruppo ancora una volta vicino al territorio e alle iniziative che nel territorio nascono, in questo caso per aiutare e sostenere il popolo ucraino, vittima di una guerra inaccettabile e ingiustificabile”.

Così il presidente della Regione, Stefano Bonaccini, dopo la donazione da parte della Casa di Maranello di un milione di euro in aiuto della popolazione ucraina, attraverso la raccolta fondi promossa dalla Regione.

“Per sostenere queste persone, i profughi in arrivo e chi rimane in Ucraina- prosegue Bonaccini– abbiamo deciso di aprire una raccolta di fondi alla quale stanno rispondendo in tanti, cittadini, imprese, associazioni e rappresentanze sociali ed economiche. Per progetti, attività e iniziative che rendiconteremo puntualmente. Una risposta corale che, a maggior ragione, ci spinge a fare tutto il possibile sia per accogliere qui, in Emilia-Romagna, sia per assistere direttamente in Ucraina i tantissimi alle prese con la loro vita stravolta e sofferenze che auspichiamo possano finire il primo possibile, per lasciare spazio a uno scenario di pace. Nel frattempo, l’Emilia-Romagna vuole essere con loro e dalla loro parte. Grazie ancora a Ferrari. E grazie a tutti coloro che stanno donando e che decideranno di farlo”.

Raccolta fondi regionale

Per donare a favore dell’assistenza ai profughi ucraini, l’Iban a cui versare è:

IT69G0200802435000104428964

Dall’estero, codice Bic Swift: UNCRITM1BA2.

Causale: ‘EMERGENZA UCRAINA’.

Il conto corrente è intestato a: Agenzia per la sicurezza territoriale e la protezione civile dell’Emilia-Romagna.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.