TRADIZIONE E INNOVAZIONE MANTOVANA AL CIBUS: L’ACETIFICIO MENGAZZOLI PRESENTA AGRESTO

L’Acetificio Mengazzoli presenta Agresto, condimento ottenuto da uve acerbe, e la linea dei condimenti acidulati. Attenzione alla sostenibilità

Elda Mengazzoli

Tra tradizione e innovazione l’Acetificio Mengazzoli di Levata di Curtatone (MN) si appresta a partecipare al Cibus, in programma a Parma dal 3 al 6 maggio.

Cibus sarà la prima grande fiera internazionale dell’agroalimentare che vedrà il ritorno dei buyer esteri. L’allentamento dell’emergenza pandemica e le nuove norme a favore della partecipazione fieristica da parte di operatori extra-UE consentirà l’arrivo di buyer e operatori commerciali da ogni continente. Sono attesi circa 60 mila visitatori professionali e circa 3 mila aziende espositrici.

Un’occasione che Mengazzoli sfrutterà per presentare la propria ampia gamma di prodotti e in particolare l’Agresto di Mantova, un condimento denso e aromatico ottenuto dal succo di uve acerbe, tipico della cucina mantovana già a partire dalla corte dei Gonzaga, come testimoniato nel volume “L’Arte di Ben Cucinare” edito nel 1662 da Bartolomeo Stefani, copocuoco presso il ducato di Mantova. Ottimo come condimento, per il suo gusto dolce e fruttato può essere consumato anche a fine pasto come digestivo. Attualmente Mengazzoli è l’unica azienda italiana che distribuisce questa vera e propria “chicca” gastronomica, che produce anche in un’edizione limitata: il “Dimenticato dal 1972”, un Agresto conservato ancora in botte di legno dall’anno 1972.

Il forte legame fra l’Azienda e il territorio mantovano è testimoniato anche dall’allestimento dello stand (Padiglione 5, Stand D-034), che “riproduce” una piccola bottega di droghe e spezie, con pareti bianche impreziosite da inserti grafici di Palazzo Te, in particolare degli affreschi della Camera dei Giganti.

Lo stand e il suo allestimento, inoltre, sono stati concepiti per poter essere riutilizzati il più possibile per altri eventi e in azienda, nell’ottica sempre più green che contraddistingue tutte le attività di Mengazzoli (dalla riduzione del packaging all’utilizzo di bottiglie più leggere per un minor consumo di energia nella produzione, di carburanti per il trasporto, ecc.).

Dalla tradizione locale alla visione più innovativa, l’Acetificio Mengazzoli al Cibus presenterà anche la linea degli Acidulati Wo’t, nati dallo studio di culture gastronomiche diverse in giro per il mondo, dall’Oriente all’America Latina. Sono così nati gli Acidulati di: riso, miele, malto, dattero, banana e ananas. Non si tratta di “aceti” aromatizzati, ma di condimenti ricavati dalla fermentazione della materia prima, senza l’aggiunta di aromi e zuccheri, ottenuti dopo anni di studio e selezione di lieviti, per mantenere profumi e sapori delicati ma unici e ben definiti.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.