TALK di GUIDO REBECCHINI “Giulio Romano. La forza delle cose. L’idea di una mostra” SPAZIO TE

Prosegue martedì 17 maggio 2022 alle ore 17:00 allo Spazio Te il public program di Fondazione Palazzo Te con il talk di Guido Rebecchini Giulio Romano. La forza delle cose. L’idea di una mostra, nell’ambito del corso Studiare Arte della Scuola di Palazzo Te e della stagione espositiva 2022 dedicata all’Arte di vivere.

La conferenza, riccamente illustrata, è incentrata sul ruolo di Giulio Romano quale designer di oggetti preziosi per i Gonzaga. L’artista, attivo a Mantova dal 1524 fino alla sua morte nel 1546, utilizzò questo settore della sua produzione per dare libero sfogo alla sua fantasia e creare oggetti fantastici animati da creature ibride composte da elementi vegetali e animali.

L’intervento di Rebecchini esplora i temi della mostra in preparazione a Palazzo Te per l’autunno Giulio Romano. La forza delle cose, che vuole mettere in evidenza questo aspetto tutt’altro che secondario della produzione dell’artista attraverso l’esposizione di un importantissimo gruppo di disegni e delle spettacolari ricostruzioni tridimensionali eseguite da Factum Arte. Inoltre, le invenzioni di Giulio verranno messe a confronto con magnifici oggetti rinascimentali e con i disegni di altri artisti-designer attivi in Italia e in Europa. In questo modo, il progetto espositivo intende animare gli ambienti del Palazzo Te in cui molti degli oggetti disegnati da Giulio furono usati, esposti e ammirati, trasformandone lo spazio in un luogo magico in cui artificio e natura si fondono in un universo dominato dalle regole dell’arte.

L’incontro è a ingresso gratuito con prenotazione obbligatoria alla mail spaziote@fondazionepalazzote.it.

Il calendario di eventi, organizzato dalla Fondazione Palazzo Te con la collaborazione delle associazioni culturali della città e Galleria Corraini, prosegue giovedì 19 maggio con il talk di Stefania Gerevini La meraviglia del sacro: i tesori medievali.

I relatori delle conferenze di questa settimana, Guido Rebecchini e Stefania Gerevini, sono i docenti del corso Studiare Arte Patrimonio, analisi e storia della Scuola di Palazzo Te che parte domani nel pomeriggio.

Questa edizione del corso si propone di esplorare la relazione tra gli interni rinascimentali e gli oggetti che li animavano. In particolare, la classe indagherà la relazione tra forme degli oggetti, materiali dai quali erano ricavati, e loro funzioni, sia dal punto di vista dell’uso sia da quello simbolico e rappresentativo. Si affronterà il tema degli interni di Palazzo Te, sia attraverso lo studio dei corami esposti nella mostra Le pareti delle meraviglie, sia interrogando i disegni e gli oggetti che saranno presentati in autunno nell’esposizione dedicata a Giulio Romano e al suo ruolo di designer. Durante i cinque giorni della Scuola, si metterà a confronto il caso di Palazzo Te con quello di Palazzo Ducale; si affronterà il rapporto tra lusso e sacralità negli oggetti religiosi, esplorando le eccezionali collezioni del Museo Diocesano. Verranno considerate anche le gerarchie di oggetti e materiali come vengono presentate in una scelta di inventari cinquecenteschi conservati presso l’Archivio di Stato.

Info: www.palazzote.it

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.