EDOARDO RASPELLI alla MOSTRA NAZIONALE DEL FUNGO sarà insignito del Premio “SENTINELLA GLOCAL DEL TERRITORIO”

La cura del territorio si declina in tanti modi. Cioè rispetto dell’ecosistema e della biodiversità, tutela delle tradizioni, salvaguardia e promozione delle peculiarità che di un territorio sono Dna, vetrina e, perché no, spinta ad un’economia circolare e sostenibile.

Tutto questo, però, non avviene sempre in modo automatico.

Ci vuole chi se ne faccia tutore, paladino e narratore, senza mai sottovalutare – in un mondo “global” – ciò che è preziosamente e orgogliosamente “local”.

Ecco, di qui nasce il Premio “Sentinella Glocal del territorio”, ideato a Ceva (in provincia di Cuneo) dal Gruppo Micologico Cebano “Rebaudengo – Peyronel”. E nell’albo d’oro del significativo riconoscimento, dove sono già iscritti Maurizio Molinari (oggi direttore di Repubblica e, al momento del Premio, de La Stampa), lo scrittore e giornalista Carlo Grande e, nel 2021, Evelina Christillin (la “signora dello montagna e della cultura”), quest’anno si aggiunge un’altra personalità: si tratta di Edoardo Raspelli, giornalista e critico gastronomico, scrittore e autore di trasmissioni televisive.

Raspelli verrà insignito del Premio durante l’inaugurazione della 61esima Mostra Nazionale del Fungo (sabato 17 e domenica 18 settembre), alla cerimonia in programma sabato 17 settembre, alle 18.

“Siamo orgogliosi che Edoardo Raspelli abbia accolto l’invito a ricevere e ritirare il Premio “Sentinella Glocal del territorio” – sottolinea Giorgio Raviolo, presidente del Gruppo Micologico -. Il riconoscimento è destinato a figure di prestigio che si distinguono per aver mantenuto alta a livello superiore l’attenzione sulle realtà locali, così speciali e ricche di cose da dire. Nelle tradizioni, nella gastronomia e nei prodotti. Non per nulla ci piace ricordare le “3 T” del pensiero di Raspelli: terra, territorio, tradizione”.

La Mostra Nazionale del Fungo che si svolge a Ceva rappresenta uno degli eventi scientifici dedicati alla micologia più quotati dagli studiosi a livello internazionale. La organizza il Gruppo Micologico Cebano (in collaborazione con il Comune), associazione di volontari dediti allo studio e alla salvaguardia dell’ambiente e del fungo, anche nella forma di promozione verso le scuole: funghi, bosco e natura. Il Gruppo, secondo a nascere in Italia nel 1962, è iscritto all’Unione Micologica Italiana e all’Associazione Micologica Bresadola.

Dalla mattinata di sabato 17 gli esperti curano l’allestimento, nella cornice dei portici medievali della centrale via Marenco: in esposizione all’aperto (ma sotto i portici) ci saranno da 400 a 600 specie di funghi dal vivo, classificate secondo i più moderni criteri scientifici. Il numero dipende strettamente dall’andamento della stagione, così come i tipi di specie, Fermo restando che le valli del Cebano sono tra le più ricche di varietà.

Quest’anno in particolare si sta verificando un’anomala nascita dell’ ovolo reale, l’Amanita caesarea. Le specie, poi, sono disposte in ordine dalle meno alle più evolute. Cartelloni didattici illustrano il mondo del bosco e del fungo, i consigli per evitare intossicazioni (o peggio) e le leggi che regolano la raccolta. I micologi sono costantemente a disposizione per altre informazioni.

Nella piazza del Comune ci sarà il mercato regionale del fungo e, nelle vie intorno, una serie di produttori con i prodotti di qualità del territorio, con uno spazio per il food. Sabato si prosegue fino a sera (alle 18 la cerimonia d’inaugurazione ufficiale), domenica 18 “non stop” dalle 9 alle 19, anche con eventi collaterali curati dal Comune. Sarà aperto a ingresso libero anche il Giardino botanico del Museo del Fungo (in allestimento) nell’ex convento dei Cappuccini.

Tra i funghi, nel passato, il “cronista della gastronomia” è stato fotografato da Elena Tiraboschi sui set di alcune delle 614 puntate di Melaverde (in replica tutte le domeniche alle 11); a Ceva gli scatti fotografici sono di Danilo Ninotto.

IL PROGRAMMA DELLA 61° MOSTRA DEL FUNGO

MERCOLEDÌ 14

· Ore 18. Giardino botanico del Museo del Fungo (ex convento Cappuccini).
Per la rassegna “Un Libro in Giardino” si presenta “Le quattro stagioni” con Lorenzo Naia e Roberta Rossetti

GIOVEDÌ 15

· Ore 21. Piazza Vittorio Emanuele II
Cantanti e musicisti del territorio

VENERDÌ 16

· Ore 18. Museo del Fungo
Inaugurazione del “Chiostro delle erbe officinali” e intitolazione a Riccardo “Dado” Luciano
· Ore 21. Piazza Vittorio Emanuele II
Sfilata di moda con le proposte dei commercianti cebani

SABATO 17

· Dal mattino. Portici di via Marenco
“Così nasce la Mostra”: allestimento dell’esposizione scientifica dei funghi freschi e liofilizzati, di essenze arboree, erbe commestibili e velenose a cura del Gruppo Micologico Cebano
· Ore 10-18. Museo del Fungo
Visite al Giardino botanico del Museo del Fungo
· Ore 15. Chiesa di Santa Maria e Santa Caterina
Artisti del Territorio. Opere dei pittori Tanchi Michelotti, Franzi Stringa, Livio Raimondi e Giada Grasso,
· Ore 15,30. Piazza Vittorio Emanuele II
Concerto dell’Istituto civico musicale di Ceva
· Ore 18. Piazza Vittorio Emanuele II
Inaugurazione della 61° Mostra del Fungo, con cerimonia di consegna del “Fungo d’Oro 2022” e del Premio “Sentinella Glocal del territorio”
· Dalle 19. Piazza Gandolfi
Cucine aperte col cibo del territorio e la partecipazione dell’Enoteca regionale
· Ore 20,30. Bocciodromo
Finale del torneo di bocce “Fungo d’oro” – Memorial Maria Pia e Bruno Muratore
· Ore 21. Piazza Vittorio Emanuele II
Il grande show di Raul Cremona
· Ore 22,30. Fuochi artificiali
· Dalle 23. Piazza Vittorio Emanuele II
La Notte Bianca

DOMENICA 18

· Dal mattino. Portici di via Marenco
Esposizione scientifica di funghi freschi e liofilizzati, essenze arboree, erbe commestibili e velenose a cura del Gruppo Micologico Cebano
· Dal mattino. Chiesa di Santa Maria e Santa Caterina
Artisti del Territorio. Opere dei pittori Tanchi Michelotti, Franzi Stringa, Livio Raimondi e Giada Grasso
· Nel pomeriggio. Via Marenco
Lezioni itineranti sui funghi in mostra con Niccolò Oppicelli
· Ore 10-18. Museo del Fungo
Visite al Giardino botanico
· Ore 10-18. Campanone
Visite alla torre campanaria a cura del Cai
· Nel pomeriggio. Centro storico
In mostra con Telecupole
· Dalle 12. Piazza Gandolfi
Cucine aperte col cibo del territorio e la partecipazione dell’Enoteca regionale
· Dalle 12- Piazza della Libertà
Tradizionale polenta e funghi alla Brenta
· Alle 14.30. Piazza Vittorio Emanuele II
Danza con El Fuego Latino
· Alle 15. Piazza Vittorio Emanuele II
Laboratorio di cucina per bambini a cura dello chef Paolo Pavarino e della condotta Slow Food Valli della Bormida.
· Alle 15.30. Piazza Vittorio Emanuele II
Spettacolo della scuola di danza Doppie Punte
· Alle 17. Piazza Vittorio Emanuele II
Concerto della Banda musicale “Adriano-Bersone-Masenti” di Ceva
· Dalle 9. Centro storico
Stand dei prodotti del territorio
Esibizioni dei cantori
· Alle 19. Palazzetto dello sport
Finale del torneo di basket “Fungo d’oro” – Memorial Silvio Gamba

Nell’area sportiva al Borgo Sottano
· Esibizioni del pluricampione italiano di Bmx Alessandro Barbero
· Ore 10-18: palestra di roccia per arrampicata a cura del Cai di Ceva
· Ore 10-18: dimostrazione e possibilità di utilizzo delle attrezzature sciistiche per disabili con DiscesaLIberi
· Ore 9-19:  possibilità di escursioni in bike e a piedi, con possibilità di noleggio e-bike a cura di Granda Bike Tour
· Ore 10-18: stand istituzionali delle associazioni sportive cebane
· Ore 11-18: musica dal vivo, cover dei Street of MInd e G.Farmerz
· Dalle 12: cucina delle erbe, polenta saracena, aperitivi, bollicine Alta Langa e birrifici artigianali

Per ulteriori informazioni ci si può rivolgere al Gruppo Micologico Cebano  gmc.ceva62@gmail.com

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.