MANTOVA – QUARENGHI e MASTRANGELO COINVOLGENTI

IMG_6504

di Paolo Biondo

Al frumento e al pane è stato dedicato lo scorso 1 ottobre a Mantova nella sala convegni del Museo Archeologico Nazionale il quarto momento d’incontro inserito nella locandina del progetto “Pomeriggi al museo”. Il percorso predisposto da un gruppo di esperti e appassionati del settore, tra i quali Gilberto Venturini, è parte integrante, tra le altre cose, di un progetto più ampio denominato “Le radici dell’alimentazione – da Fiumi di Primavera a OltreExpo.

IMG_6505

A rendere il pomeriggio ancor più coinvolgente ci hanno pensato gli stimoli proposti, attraverso riflessioni, valutazioni e aneddoti, da Giusy Quarenghi e Alessandra Mastrangelo.

IMG_6487

La sezione “teorica-pratica” dell’incontro si è arricchita degli interventi delle due autrici che hanno stuzzicato la curiosità e l’interesse dei presenti grazie a nozioni che han consentito al singolo di approfondire nei termini più adeguati l’argomento.

IMG_6490

Durante il pomeriggio Giusy Quarenghi e Alessandra Mastrangelo hanno preso spunto, per i loro interventi, dall’opera scritta a quattro mani, vale a dire “Fame di pane” illustrando in modo semplice moltissimi degli aspetti collegati al pane e al suo utilizzo. L’elemento di base, quindi, è il risultato dell’abbinamento tra farina, lievito e acqua ovvero il pane.

IMG_6494

Un “rozzo impasto”, è stato definito questo alimento, che è divenuto nel tempo la principale risposta alla fame, che è stato declinato in mille forme e chiamato con mille nomi, nelle diverse culture e geografiche. Come si fa il pane, quindi, oggi, ma ancor più si è posto l’accento su come distinguere quello buono da quello meno buono ed anche riconoscerne ed apprezzare i suoi molteplici sapori.

IMG_6501

Sapori che ovviamente risentono anche della cultura e della tradizione locale oltre che da altri elementi tipici della zona presa in esame.

IMG_6512

Per l’occasione, Giusy Quarenghi smessi i panni di autrice di libri di grande successo per piccoli lettori, si è trasformata in un entusiasta “fornaia estemporanea” dando una breve dimostrazione di produzione del lievito madre che poi è stato distribuito in pezzi ai partecipanti.

IMG_6521

Rispondi