MANTOVA – LA FUGA DALLA SHOAH RACCONTATA DA LIDIA GALLICO

di G.Baratti

Giovedì 31 marzo alle ore 18 presso la sala delle Colonne del Centro Culturale Baratta si terrà la presentazione del libro di Lidia Gallico “Una bambina in fuga. Diari e lettere di un’ebrea mantovana al tempo della Shoah” (Ed. Gilgamash).

Oltre all’autrice e a Maria Bacchi, che ha curato la prefazione del volume, interverranno Sara Valentina Di Palma, ricercatrice dell’Università di Siena e Maurizio Bertolotti, presidente dell’Istituto mantovano di storia contemporanea di Mantova.

Una bambuna in fuga copia.jpg

Una bambina in fuga – Diari e lettere di un’ebrea mantovana al tempo della Shoah raccoglie la memoria adulta di un’infanzia vissuta durante la Shoah e le scritture prodotte dalla stessa persona allora e subito dopo la fine della seconda guerra mondiale; sono materiali che costituiscono uno straordinario corpo di fonti per comprendere le forme della resistenza e della resilienza di una bambina di fronte al dolore della persecuzione razziale e dell’esilio. In uno scritto della fine degli anni ottanta, Lidia Gallico ripercorre la sua infanzia di bambina ebrea negli anni delle leggi razziali: la fuga in Svizzera, il campo profughi, l’accoglienza in un collegio di suore, la separazione dai genitori e il rientro a casa. A tale scritto si aggiungono qui il “diarietto comune”, tenuto durante il soggiorno nel collegio svizzero e subito dopo il ritorno a casa, e le lettere scritte da lì ai genitori, pubblicate in questo volume per la prima volta. L’introduzione di Maria Bacchi ricostruisce il contesto storico della persecuzione razziale in Italia e le spesso contraddittorie politiche di accoglienza e respingimento dei profughi ebrei che chiedevano asilo in Svizzera. Evidenzia anche come questo raro e insolito materiale sia una fonte preziosa per conoscere la vita e l’interiorità dei bambini rifugiati.

(foto web)

Annunci

Rispondi