FERRARA – FARE ARTE alla MLB Maria Livia Brunelli HOME GALLERY

orlando-furioso-code

orlando-furioso-code

Inaugurazione venerdì 23 settembre dalle 17 alle 22

In occasione del cinquecentenario della pubblicazione dell’ “Orlando Furioso” di Ludovico Ariosto, Bombardieri ha ideato una mostra interattiva e coinvolgente. Ogni visitatore dovrà utilizzare una normale app che legge i codici a barre per andare alla scoperta degli innumerevoli personaggi dei vari episodi dell’ “Orlando Furioso”, in un avvincente viaggio nel tempo che mette in luce la complessa trama del poema. Arricchiscono la mostra alcune piccole sculture-gioiello ispirate a frasi iperboliche e fantasiose del “Furioso”, che non potevano non ispirare un artista ironico e allo stesso tempo profondo come Stefano Bombardieri. La mostra gode già del Patrocinio del Comitato Nazionale per le celebrazioni del V Centenario per le celebrazioni dell’ “Orlando Furioso”, e resterà aperta fino al 4 dicembre.

MLB.jpg“Live, Love, Refugees” di Omar Imam

Inaugurazione giovedì 29 settembre alle 18.30 incontro con l’artista alla MLB Maria Livia Brunelli home gallery, alle 19.30 inaugurazione all’Art Gallery Annunziata (Piazza della Repubblica, 5, Ferrara)

In occasione del Festival di Internazionale 2016, la MLB Maria Livia Brunelli home gallery espone in corso Ercole d’Este 3 e presso l’Art Gallery Annunziata (in Piazza della Repubblica 5) una decina di opere del fotografo siriano Omar Imam, in parete fino al 20 novembre. Nei campi profughi in Libano Imam coinvolge i rifugiati in un processo di catarsi e gli chiede di ricreare i loro sogni: sogni di fuga, sogni di amore o di odio. Il risultato sono immagini simboliche e spesso surreali, che evocano i più profondi e oscuri mondi interiori.

Mustafa SabbaghWORKSHOP con Mustafa Sabbagh. Il paesaggio quotidiano. Tra ritratto e landscape

Sabato 8 ottobre dalle 10 alle 18; dom. 9 ottobre dalle 10 alle 18, MLB Maria Livia Brunelli home gallery (numero chiuso, massimo 12 partecipanti)

Il workshop, tenuto dal noto artista e fotografo italo-palestinese Mustafa Sabbagh, alternerà teoria e pratica, assoli e coro. “Parlerò ai partecipanti della diversità di linguaggi insita nella fotografia, di come il linguaggio della costruzione di immagini, così composito, possa diventare mezzo e fine, modus e obiettivo-spiega Sabbagh-. Poi metterò in atto le parole, occupandomi della progettazione e della realizzazione di ritratti, all’interno dei quali obiettivo principale sarà la dimostrazione pratica che il contesto crea la sostanza, che it is my daily mood that makes the weather. In seguito chiederò ai partecipanti la realizzazione estemporanea di un ritratto rappresentativo sia del proprio stile – dal punto di vista della tecnica – che dello stile conferito, o colto, nel soggetto – dal punto di vista della visione; al termine di questa fase, e a partire dai ritratti realizzati, domanderò ai partecipanti quale sia l’interpretazione dei loro stessi scatti, e da lì avvieremo un panel di discussione che farà ulteriore luce sulla fotografia, sulla tecnica del ritratto, ma soprattutto su loro stessi – perché padroneggiare la fotografia, e soprattutto la tecnica del ritratto, significa obbligatoriamente dovere avere a che fare con se stessi…la lente fotografica è uno specchio”.

camporesiWORKSHOP con Silvia Camporesi. Fare arte.

Creatività e progettualità nella fotografia contemporanea

Sasato 11 novembre dalle 10 alle 18; dom. 12 novembre dalle 10 alle 18, MLB Maria Livia Brunelli home gallery (numero chiuso, massimo 12 partecipanti)

Come nascono le idee? Come passo dal pensiero al lavoro finito – sia esso una singola immagine o un intero progetto? Di cosa ho bisogno?
Il workshop è improntato sul tema della progettazione artistica fotografica e riflette su come muoversi nell’intricata strada dei pensieri e delle azioni che conducono alla realizzazione dell’opera. Obiettivo del workshop è comprendere il modus operandi che sta dietro ogni lavoro artistico.Ogni passo è fondamentale nella creazione di un’opera. Le strade percorse per arrivare al risultato finale, pur rimanendo nella maggior parte dei casi sotterranee, sono anch’esse parti importanti dell’opera.

Rispondi