MILANO – PRESENTATA LA XI EDIZIONE DI SEGNI New Generations Festival

 

presentazione festifal.jpgTeatro, arte e spettacolo per tutte le età

MANTOVA, 26 OTTOBRE – 2 NOVEMBRE 2016

Presentazione nazionale a Milano presso l’Ufficio d’Informazione in Italia del Parlamento Europeo, nell’incantevole Palazzo delle Stelline, per la XI edizione di SEGNI New Generation Festival. Mantova città Capitale della Cultura grazie a SEGNI diventa Capitale europea grazie ai progetti internazionali che si incontrano in città durante le giornate del festival dal 26 ottobre al 2 novembre. 

Più di 300 eventi in otto giorni che si inseriscono nello scenario dei Festival culturali di rilievo grazie alla qualità degli artisti presenti come Stefano Benni, Wu Ming, Dario Fo, musicisti giapponesi, Makoto Nomura e Kumiko Yabu, artisti circensi russi oltre che una densa presenza di francesi, spagnoli e svizzeri che sono a Mantova con produzioni in anteprima in Italia.

Milano - presentaz. festival.jpgAl tavolo dei relatori a raccontare l’incontro col festival e i contenuti in programma sono stati il Direttore dell’Ufficio d’Informazione a Milano, Bruno Marasà, l’Assessore all’Università e Ricerca, Innovazione, Coordinamento Ufficio Progettazione Europea per il Comune di Mantova, Adriana Nepote, il Vice Console del Consolato Generale di Norvegia, Barbara Rossi, insieme a Cristina Cazzola, Direttrice artistica di SEGNI New Generations Festival. “Attesa e curiosità per questa XI edizione – dice Cristina Cazzola Direttrice artistica del festival – Dall’estero guardano Mantova, che ha creato questo format unico in cui cittadini, amministrazione, artisti, operatori e volontari dell’Associazione Segni d’infanzia continuano a credere per rendere possibile l’incontro, necessario a dare vita al teatro. Le parole chiave di SEGNI New Generation Festival: ricerca, internazionale, comunicazione visiva e curiosità per spettacoli ed eventi per adulti ed anche per bambini e ragazzi perché l’importante è divertisti e stupirsi nella città e nelle sale che prendono vita nei luoghi d’arte”.

Ha ben evidenziato Adriana Nepote, nell’augurare una buona riuscita di questa undicesima edizione, come il suo assessorato riassuma il senso del festival in cui ricerca e internazionalità sono le parole chiave: “SEGNI è uno dei punti fermi per la città, un progetto ad alto contenuto innovativo e d’attualità, che aumenta ogni anno il suo pubblico, e crea proposte coinvolgenti anche per gli adolescenti”.

circo.jpgQuest’anno infatti si amplia la proposta per gli over 13: da spettacoli che indagano la relazione fra uomo contemporaneo e nuove tecnologie, la percezione della realtà nell’era social – come Vita Nerd e Gilgamesh – ad altri che combinano arte e musica, come Petit Cirque. Si viaggia, anche stando immobili sulle sedie, nel destino di chi parte da casa per salvarsi o di chi si mette in cammino per diventare grande in Piccoli Eroi del Teatro del Piccione mentre si ripercorre la recente storia del cinema a teatro nel bellissimo Cinema Paradiso. E ancora il mondo del lavoro raccontato da tre clown in partenza per le vacanze nell’esilarante Kanikuly e Siamo uomini o caporali che alla maniera di Chaplin fa riflettere sul tema dei conflitti umani e del nazionalismo.

Spazio di confronto aperto agli studenti degli Istituti Superiori è il convegno – In viaggio per l’Europa – realizzato in collaborazione con l’Ufficio d’informazione a Milano del Parlamento europeo e l’Agenzia Nazionale per i Giovani, per scoprire strumenti e possibilità che l’Europa offre alle nuove generazioni nell’esplorazioni di settori professionali legati alla cultura e al teatro.

Tanti gli spettatori che hanno già scelto Mantova per il lungo weekend del 29 ottobre – 2 novembre e tanti gli adolescenti che sono coinvolti a vari livelli nel festival. Molti spettatori, fra cui anche studenti stranieri, molti i ragazzi che partecipano a Spunti(ni) critici, coordinati da Stratagemmi, con critici di teatro riconosciuti a livello nazionale.

Straordinaria relazione con Palazzo Ducale che si apre con percorso alchemico con un ospite d’eccezione come Massimo Polidoro. Contenuti d’eccezione anche per eventi gratuiti e laboratori d’eccellenza grazie alla collaborazione con Topolino (Il Lupo a fumetti) e il Muse (Vita da Lupi).

il-lupo

La conferenza stampa si è conclusa con l’affascinante lettura eseguita da Sara Zoia – tra le attrici da tempo impegnate nel festival – dell’incipit del nuovo libro illustrato di Stefano Benni (edizioni Lizard), ospite speciale di SEGNI, con In bocca al lupo in programma domenica 30 ottobre al Teatro Bibiena.

A Mantova si entra nell’atmosfera del festival già questo weekend con una delle anticipazioni in programma: lo spettacolo L’orso con la spada della compagnia francese Lardenois e Cie. Un antico camion dei pompieri trasformato in piccolo teatro, accoglierà gli spettatori in Piazza Broletto (domenica 9 alle 11:00 e alle 16:00 e lunedì 10 alle 9:30 e 10:45 – repliche per le scuole – e alle 17:00 per le famiglie) per una storia per immagini   che sensibilizza nel rapporto con la natura e l’ambiente.

Rispondi