MANTOVA – MUSEO DIOCESANO: “PIENA DI GRAZIA”. PARTONO GLI EVENTI COLLATERALI ALLA MOSTRA

Bernardino CampiPIENA DI GRAZIA è una rassegna di trenta opere, che spaziando dal IX al XIX secolo attestano da un lato eccellenze dell’arte, e dall’altro il persistere nel tempo dell’attenzione a un soggetto basilare della fede cristiana.

Proprio per questo, l’esposizione riveste particolare rilevanza sotto il profilo religioso, consentendo di richiamare temi quali l’ingresso nel mondo del Figlio di Dio e quindi la redenzione dell’umanità, nonché il maggiore titolo di gloria di Maria, la sua divina maternità. Parrocchie e associazioni, gruppi catechistici e di preghiera, possono trovare nella mostra occasioni e stimoli a celebrare con maggiore consapevolezza le festività natalizie.

Per l’occasione, sono state organizzate dal Museo Diodesano Francesco Gonzaga, iniziative collaterali per approfondire il tema della mostra in corso al museo dallo scorso 7 ottobre 2018, fino al 6 gennaio 2019.

Donzelli.jpg

Il primo appuntamento in calendario è sabato 20 ottobre alle ore 15.00 in Sala Paolo Pozzo (Museo Diocesano – Mantova piazza Virgiliana 55), dove FRANCESCA CAMPOGALLIANI dell’Accademia Teatrale Campogalliani, con l’introduzione di MONS. ROBERTO BRUNELLI, presenta una serie di letture che ci guideranno a scoprire “L’Annunciazione nella poesia italiana”.

La figura di Maria di Nazareth ha tanto spazio nella letteratura, non solo italiana: davvero si è realizzata anche negli scritti d’arte la sua profezia “Tutte le generazioni mi chiameranno beata”. Si ascolteranno pagine del Vangelo versi di grandi poeti e anche di autori “che dalla fede sono rimasti lontani”. Ma anche questi ultimi, a sorpresa, in certi momenti della loro vita hanno riflettuto e scritto sulla fede cristiana, e spesso proprio nel nome della Vergine Maria.

L’ingresso è libero

Dorigny - Annunciazione.jpg

PROSSIMI APPUNTAMENTIprogramma eventi museo diocesano copia.jpg

Annunci

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.