IST. GERIATRICO di RONCOFERRARO – CON SEGNI D’INFANZIA BAMBINI E ANZIANI DIVENTANO SUPEREROI DELL’AMBIENTE 

Si rinnova per il secondo anno consecutivo la collaborazione tra l’Associazione Segni d’infanzia e la Fondazione Antonio Nuvolari di Roncoferraro in occasione della consueta programmazione annuale di attività, elaborata in accordo tra l’Istituto Comprensivo della città e la Direzione della Fondazione, che contribuiscono a rendere l’Istituto Geriatrico spazio d’incontro e condivisione per anziani e bambini.

sara zoia.jpg

Domani, martedì 16 aprile, un apposito spazio del Geriatrico si trasforma, grazie all’intervento dell’attrice Sara Zoia, in un divertente centro di ricerca sulle energie rinnovabili dove protagonisti sono le scolaresche e gli ospiti della struttura che insieme possono sperimentare la patafisica: capacità di trovare soluzioni immaginarie. Uno stimolo a sviluppare l’abitudine ad ingegnarsi davanti alle problematiche ambientali, così sentite in questo momento storico, ma in generale davanti a qualsiasi piccolo, grande problema quotidiano.

SEGNI D'INFANZIA L'attrice Sara Zoia alla Festa Estate 2017.jpg

Partendo dalla storia di un Supereroe super energetico che si ricarica con una fonte inesauribile e contagiosa, la risata, si trova il pretesto per parlare, raccontare e capire insieme quali possono essere le fonti di energia pulite, rinnovabili che rendono il pianeta migliore. Come in un coinvolgente gioco interattivo in cui testare la propria impronta ecologica, bambini e anziani si scoprono tutti potenziali supereroi in grado di contribuire a migliorare la qualità dell’ambiente adottando comportamenti sostenibili, passando all’azione e alla ricerca.

SEGNI D'INFANZIA Foto di Nicola Malaguti_Zoia.jpgUna mattina all’insegna della sensibilizzazione ambientale, ma soprattutto un’occasione per regalare agli anziani, ospiti dell’Istituto, un tempo e un luogo diverso dal solito, reso speciale dalla presenza dei bambini e dallo scambio che ne nasce. Per i più piccoli, un doppio arricchimento: quello dato da una proposta di qualità che genera stimoli, riflessioni, e quello dato dall’esperienza di relazione che sensibilizza sull’importanza di curare i rapporti con gli anziani, generando anche un nuovo modo di guardare al luogo che li ospita.

(foto Segni – Malaguti)

Annunci

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.